Mobilità ciclistica in Campania, la proposta di Fiab Campania in 5 punti

Politica, cittadini e imprese a confronto per una regione a misura di bicicletta.

A Napoli il punto sulla pianificazione regionale della mobilità ciclistica. FIAB, Legambiente e WWF: “Serve cambio di passo”.

L’obiettivo è sollecitare la Regione Campania ad approvare in tempi rapidi e certi un primo schema di pianificazione contenente la programmazione degli interventi di infrastrutture ciclabili urbane ed extraurbane, ma anche di educazione alla mobilità attiva e di formazione rivolta ai tecnici e agli amministratori, seguendo l’esempio della maggior parte delle altre regioni italiane. La proposta è stata presentata nel corso dell’incontro che si è svolto martedì 6 giugno presso il PAN di Napoli organizzato da FIAB Onlus – Federazione Italiana Amici della Bicicletta insieme a WWF e Legambiente. Ad un anno di distanza dall’approvazione della legge finanziaria regionale del 2016, che prevedeva l’avvio del Piano Regionale della Mobilità Ciclistica, le associazioni coinvolte nel tavolo tecnico della commissione regionale trasporti hanno lanciato una prima proposta di piano ed una campagna di comunicazione “Bicicampania. Per una regione a misura di bicicletta”. Il punto della situazione è stato fatto da Enzo Russo, dell’Area tecnica FIAB Campania, il quale ha offerto dati e indicazioni preziose per accelerare il processo che dovrebbe portare – dalla presentazione dei piani allo stanziamento di fondi destinati ad hoc in Campania.

Cosa succede ora? I fondi sono disponibili, i piani ci sono ma la Campania rischia di restare in coda se non si attiva subito per chiedere finanziamenti per percorsi ciclabili. Per recuperare i ritardi la proposta di Fiab Campania prevede 5 punti: l’elaborazione del PRMC sulla base dei piani traffico già approvati, l’attivazione di procedure per l’utilizzo di finanziamenti  per le ciclovie nazionali, rimodulazione di progetti infrastrutturali in Campania e l’utilizzo di ribassi d’asta, richiesta ai comuni di dotarsi dei Put entro un anno, rimodulazione del programma 2014-2020 per finanziare zone 30, ZTL, aree pedonali, percorsi ciclopedonali, sull’esempio di altre regioni.

Al convegno la presidente nazionale FIAB Giulietta Pagliaccio ha sottolineato come le politiche a favore dell’utilizzo della bicicletta costituiscano una grande operazione di “democrazia dello spazio pubblico” consistente nell’eliminare auto e dare a tutti un mix di opportunità di spostamento, grazie alla combinazione con l’intermodalità, il trasporto pubblico locale e la mobilità alternativa e condivisa. Il deputato Paolo Gandolfi, autore degli emendamenti che hanno rilanciato il finanziamento della mobilità ciclistica, ha messo in guardia dal rischio che, con le elezioni alle porte, alcuni fondamentali provvedimenti in approvazione in parlamento, quali la riforma del Codice della Strada e la legge quadro per la mobilità ciclistica, potrebbero non vedere mai la luce. Sottolineata invece la disponibilità di risorse e il finanziamento di sei ciclovie italiane. Soddisfatta la coordinatrice FIAB Campania, Titti Vollero: “Il convegno ha dimostrato come l’associazionismo sia in grado di sensibilizzare un pubblico ampio e variegato, attivare reti, e – perché  no? – anche di offrire supporto tecnico. Spetta ai politici creare le condizioni infrastrutturali e sociali affinché i cittadini possano sentirsi liberi e sicuri di pedalare tutti i giorni. La grande partecipazione del convegno ha dimostrato come ci sia una sensibilità trasversale e diffusa per questi temi, che le istituzioni devono saper catalizzare ed incentivare”.

Significativi anche gli interventi di Anna Donati, membro del Gruppo Kyoto Club -che ha illustrato le opportunità delle ferrovie turistiche e le possibilità di integrazione della mobilità ciclistica con il trasporto pubblico, di Giovanni Cardinali, consigliere nazionale FIAB e coordinatore CTS Bicitalia sulla pianificazione in ambito regionale; di Giuseppe Dimunno, coordinatore FIAB Puglia e Basilicata. Ha chiuso i lavori il presidente FIAB Napoli Cicloverdi, Antonio Daniele.

Per la Regione Campania erano presenti Giuseppe D’Angelo della direzione generale mobilità, oltre che Coordinatore della Commissione Infrastrutture Mobilità e Governo del territorio della Conferenza Stato-Regioni, le consigliere della Regione Campania Maria Muscarà e Antonella Ciaramella.

L’incontro è stato molto partecipato: Legambiente Campania è stata rappresentata dai vertici regionali Michele Buonomo e Anna Savarese. Per i Cicloverdi Teresa Dandolo, anche nella veste di consigliere nazionale FIAB e numerosi membri del direttivo napoletano, poi per il gruppo Green Carmine Maturo, ed addetti ai lavori (da sottolineare la presenza di Trenitalia-RFI), ma anche il mondo delle università, startup cicloturistiche e imprese del settore cicli (Schiano).

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9914 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*