Ostia, il 10 giugno corteo di CasaPound per lo sgombero della Vittorio Emanuele. Marsella: “Grave il dialogo tra Vulpiani e occupanti”

“Non siamo disposti ad aspettare ancora ed annunciamo una nuova manifestazione per chiedere lo sgombero dell’ex colonia Vittorio Emanuele: il 10 giugno sfileremo in corteo con i cittadini e stavolta, se le forze dell’ordine difenderanno l’occupazione abusiva, non ci fermeremo”. Lo annuncia in una nota Luca Marsella, responsabile di CasaPound Italia sul litorale romano che poche settimane fa ha manifestato sotto alla struttura insieme ai residenti sfiorando lo scontro con le forze dell’ordine. “E’ molto grave – ha continuato Marsella – e chiediamo che venga smentita la trattativa in corso tra il commissario prefettizio Vulpiani e gli occupanti considerato che si tratta di immigrati clandestini e per nuona parte spacciatori. L’ex colonia deve essere sgomberata e non accetteremo ritardi o assegnazioni di alloggi agli stranieri. Ci sono decine di famiglie italiane in emergenza abitativa ed eventuali soluzioni devono essere indirizzate verso di loro”.
“Da anni ci battiamo per riconsegnare la Vittorio Emanuele ai romani – ha aggiunto Carlotta Chiaraluce, portavoce di CasaPound ad Ostia – e vogliamo riuscirci prima delle prossime elezioni. Sarebbe una vittoria storica e la dimostrazione che quando i residenti scendono in piazza con determinazione e portano avanti una battaglia al fianco di CasaPound, nulla è impossibile. Invitiamo tutta la cittadinanza del nostro municipio al corteo di sabato 10 giugno che partirà alle 18 da piazza Duca di Genova perché sarà il momento cruciale – ha concluso Chiaraluce – di una battaglia che va avanti da tempo”.

Informazioni su Emanuele Bompadre 10706 Articoli

Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l’enduro, l’importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*