GT Italia: Antonio D’Amico a Misano per difendere la leadership

Questo fine settimana Antonio D’Amico tornerà al volante della  Lamborghini Huracan numero 116 del team di Vincenzo Sospiri sul tracciato di Misano, secondo dei sette doppi appuntamenti del Campionato Italiano Gran Turismo.

 

Il driver di Fiano Romano seguito dalla Minardi Management, in coppia con Cazzaniga, si presenterà ai nastri di partenza da leader, forte del successo conquistato all’Enzo E Dino Ferrari di Imola. Un inizio di stagione importante che pone Antonio tra i protagonisti del campionato e i pretendenti alla conquista del titolo finale.

 

“La stagione è partita sicuramente nel verso giusto e ora dobbiamo continuare la striscia positiva. A Imola siamo stati costantemente i più veloci e solamente il drive-through in gara-2 ci ha negato la soddisfazione della doppietta. Volendo guardare il bicchiere mezzo pieno, questo episodio ci eviterà un handicap di 30” da scontare questo fine settimana. Misano è una pista che mi piace molto, ma dovremo stare concentrati per evitare di incappare nuovamente in errori che possono compromettere il risultato finale. Il livello delle macchine e piloti è elevato e ogni sbavatura si può pagare pesantemente” commenta Antonio D’Amico

 

“Non vedo l’ora di rivedere in azione Antonio, credo che anche a Misano possa essere tra i protagonisti. In questo momento il trio D’Amico-Cazzaniga-VSR sono la combinazione da battere e speriamo rimanga tale anche a Misano. Sono convinto che si possa fare bene, pur sempre lavorando con la medesima tranquillità con cui si è lavorato fino ad oggi e mantenendo la calma alla pressione dovuta al fatto che sono l’equipaggio da battere” analizza il manager Giovanni Minardi.

(Visited 1 times, 1 visits today)

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9851 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*