Biaggi, le rivalità e le motivazioni

Max Biaggi è pronto per la nuova avventura con Mahindra come manager della scuderia italo-indiana nel CIV. L’ex pilota Aprilia, Honda e Yamaha in MotoGP™ ha chiuso la sua lunga carriera nelle derivate di serie e, in un’intervista a motogp.com, parla della sua strada fatta anche di quattro titoli in 250cc, tre con la moto veneta e l’ultimo con Honda.

Il romano inizia però dal Mugello, prossimo appuntamento del campionato e luogo mitico per ogni pilota italiano:

“È stato il mio primo podio e in quel momento qualche cosa è cambiato”. Ricorda la stagione 1992; “Ho realizzato di potercela fare, ho poi imparato molto in quell’anno su come lottare in pista. Passo dopo passo ho capito come vincere fino al titolo iridato”.

Prosegue, raccontando poi di quei momenti con la vittoria iridata ormai nelle mani: “Ricordo la gioia delle persone attorno a me”, era Barcellona nel 1994, “Fu il primo successo mondiale non solo per me anche per la Casa, un grande onore e momenti davvero speciali”.

Biaggi termina sulla motivazione: “Si trova anche guardando gli avversari, sono una serie di dettagli a portarla e a farla crescere. Arriva anche sfidando piloti forti come Valentino Rossi. Ti dà energia, è un modo per beneficiare della rivalità”.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9914 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*