MotoGp, Le Mans: Viñales ritrova la pole

Mavarick Viñales torna a primeggiare in qualifica e al GP di Francia diventa ancora una volta il riferimento. Una partenza al palo che al pilota Movistar Yamaha mancava dalla gara di Losail. Ma è il sabato delle moto di Iwata con Valentino Rossi (Movistar Yamah) e Johann Zarco (Monster Yamaha Tech 3) che monopolizzano la prima fila del via. La miglior Honda ancora una volta non è ufficiale: quella LCR di Cal Crutchlow.

Le seconde qualifiche della classe regina si svolgono sotto un cielo velato. La pioggia però sembra lontana e non un pericolo per gli ultimi quindici minuti di sessioni del sabato della massima serie.

La sfida sembra tutta tra le Honda e Scott Redding, migliore della FP3. Il più veloce delle quarte libere però è stato Viñales. Proprio il talentuoso catalano domina da subito le qualifiche e, passaggio veloce dopo passaggio veloce, è pole con il tempo di 1:31.994s.

Colpo di scena a pochi minuti dall’apertura della pit-lane: Marc Marquez è vittima di una caduta alla curva 2 ma che non pregiudica di tanto le sue qualifiche. Il pilota HRC chiude con il quinto tempo ma la prima Honda non sarà la sua e al suo fianco partirà Crutcholw autore del quarto crono.

Andrea Dovizioso tiene alto il nome Ducati ed è sesto in seconda fila.

Valentino Rossi a meno sette minuti dalla fine sale in seconda posizione, riprova il giro veloce ma è in scia a Jack Miller (Estrella Galicia 0,0 Marc VDS) che cade. Per il Dottore il secondo tempo grazie al giro dopo e un ritardo di 0,106s dal compagno di scuderia. È la prima fila e, dopo quella in Texas, altre ottime qualifiche per il nove volte iridato.

Johann Zarco, arrivato dalla Q1 e uscito per ultimo dai box, resta in pista quando tutti gli altri entrano al box; una tattica che gli consente di mettere a referto il secondo miglior tempo provvisorio e di lottare poi con le due Yamaha ufficiali. Per il pilota Monster Tech 3 il terzo miglior crono a 0,2s da Viñales e, per la prima volta nella massima cilindrata, la partenza con solo l’asfalto davanti.

Redding, il protagonista della mattinata, aprirà la terza fila davanti alla KTM di Pol Espargaro. Mai così veloce in qualifica grazie al nuovo motore a scoppi irregolari e, nella top 10, anche la seconda moto austriaca di Bradley Smith.

Dani Pedrosa (Repsol Honda) dopo aver vinto il GP di Spagna è costretto al centro gruppo mentre Jorge Lorenzo (Ducati Team) apre la sesta fila di fianco ad Andrea Iannone (Suzuki Ecstar). Danilo Petrucci (Octo Pramac Racing) è più arretrato.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9846 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*