L’interminabile riforma del gioco: tutti al lavoro per rimediare agli errori commessi

Per incanto, è come se si fosse “sciolto il ghiaccio” nel quale si era intrappolata la riforma del gioco e dei nuovi casino aams: ora, si trovano tutti sulla stessa “isola felice” predisposti ad un accordo. Il sottosegretario all’Economia -e “patrono del gioco pubblico”- e gli Enti Locali, protagonisti di questa riforma, sono positivi relativamente alla nuova proposta presentata in Conferenza Unificata. Come detto in altro articolo, però, qualche “voce fuori dal coro” esiste, come l’Anci, come Codacons oppure come “Mettiamoci in gioco” ed anche la Regione Lombardia che non ha certo mancato l’occasione per mostrare ancora perplessità nei confronti della bozza dell’Esecutivo.

Infatti, la paladina del “no azzardo, no slot” Viviana Beccalossi, assessore lombardo, non ha potuto fare a meno di sottolineare che non risulta chiaro come il Governo possa proporre (e conseguentemente “farsi credere” dai cittadini) di diminuire l’offerta del prodotto gioco sul territorio, quando si è impegnato con l’Europa a reperire nuove risorse che dovrebbero provenire proprio dal mercato delle apparecchiatureda intrattenimento! Contraddizione in termini… non c’è dubbio.
Negli operatori continua ad albergare la speranza che si addivenga, presto, alla firma dell’accordo, ma obbiettivamente sembra anche che la soluzione definitiva sia un po’ meno scontata di quanto si potrebbe pensare in relazione alle dichiarazioni che sono trapelate dopo la presentazione della proposta in Conferenza. Ma tutto il settore del gioco è in “trepida attesa” del giorno nel quale Baretta avrebbe fissato il traguardo (finale) per la “quadratura del cerchio” e per definire questa telenovela ludica, sperando che ancora una volta le attese, le speranze e l’accordo non si tramutino in un “nulla di fatto”.

Questa benedetta riforma è stata sbandierata troppe volte ed a voce troppo alta dalla politica ed in tempi diversi, persino da altri Governi che non siano quello attuale per poi essere incappata in chiarimenti, delucidazioni, ritrattazioni che si sono prolungati per tempi lunghi. Così, come molte leggi e riforme relative al gioco, proposte anche dal precedente Governo Renzi, si sono “sperse” nei meandri di qualche Ministero. E poi se l’uscita di scena del Governo Renzi ha congelato qualsivoglia iniziativa, il cambio della guardia non ha portato cambiamento alcuno: tra le leggi che si sono arenate solo il decreto sulla Protezione Civile ha “visto la luce”… null’altro.
Erano tutte leggi di una certa importanza, come quella sull’Omofobia, sul Cyberbullismo e sul Codice Antimafia, oppure quella sullo Ius Soli passando per il Reato di Tortura: tutte ancora allo stato di stallo, nonostante siano state proclamate come riforme in fase di arrivo, accompagnate dal segnale di un Paese che riparte e cambia direzione. Ma tutto, come nel mondo del gioco d’azzardo, è rimasto come prima e proprio lo stesso gioco pubblico è una vittima di quella presunzione di riformismo che rimane solo annunciato e non si concretizza mai.

Ma ormai coloro che amano il mondo del gioco sanno che quando si parla di questo argomento… si glissa e questo è un altro evidente segnale di come il settore non venga ancora oggi considerato un comparto economico ed industriale. Ma come, invece, viene considerato dal Fisco, che continua a ritenerlo una risorse irrinunciabile e preziosa alla quale attingere proprio come è successo recentemente con la “manovrina” che si è rivolta ancora una volta alle casse di questa filiera per far quadrare i conti dello Stato.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*