Viterbo, Sergio Insogna: la sua volontà di iscriversi al Partito Socialista

È con grande soddisfazione che i compagni della Federazione di Viterbo del PSI, hanno appreso dal consigliere comunale di Viterbo Sergio Insogna la sua volontà di iscriversi al Partito Socialista.

Lungo è il percorso che i socialisti hanno affrontato, attraversando come i Romani  le Forche Caudine le malevoli espressioni, accolte dall’opinione pubblica senza un vero approfondimento, avanzate da coloro che ne avevano l’interesse politico. Tutto ciò non ha però scalfito la determinazione dei socialisti per l’affermazione dei valori del socialismo, non ha fiaccato la volontà dei socialisti di rendersi utili alla società civile. Alcuni hanno continuato fuori dal Partito in altri movimenti o in associazioni e comitati l’impegno politico.

Ora è evidente più che mai la necessità di socialismo democratico, di coinvolgimento dei cittadini nelle scelte politiche, per contrastare il qualunquismo deleterio, che si fa demagogia destrorsa, facendo leva sul malcontento causato dalla crisi economica che persiste in Italia e nel mondo.

Lo spazio politico sottratto ai socialisti, sta ora tornando al vero Partito del riformismo, anche se tutti affermano di esserlo.

Sergio Insogna lo avevamo conosciuto nei giovani socialisti, già allora si batteva per l’avanzamento della società, attraverso la richiesta di spazi per lo sport  per tutti. Un  grande sportivo attento conoscitore  delle necessità dei giovani, un socialista nei comportamenti.

Sapevamo che sarebbe tornato con i socialisti non poteva essere altrimenti, con esso sono approdati al partito molti compagni e cittadini che si tenevano ai margini, scoraggiati dalla politica.

Abbiamo chiesto a Sergio Insogna di chiarirci il motivo della sua scelta, che lo fa anche divenire il rappresentante del PSI in Consiglio comunale.

La risposta è stata di una semplicità disarmante. “ Il Partito socialista è il depositario dei valori in cui credo da sempre. Ritengo che insieme ai compagni, con il loro sostegno e collaborazione si possa proporre un nuovo progetto di sviluppo per la città di Viterbo; si possa discutere di sviluppo economico; si possa promuovere la partecipazione attiva dei cittadini, la solidarietà verso i meno abbienti. Le questioni  da risolvere per il bene della città di Viterbo sono tante e purtroppo vedo scarsa incisività da parte dell’amministrazione cittadina. Naturalmente, come rappresentante del PSI, continuerò ad esercitare il ruolo che finora ho ricoperto di opposizione costruttiva. Moltiplicherò le mie proposte per il bene della città, supportato dal mio Partito e dai cittadini, con i quali conservo un buon rapporto. Con vera  gioia ho ricevuto la lettera del segretario nazionale del PSI, con la quale l’on Riccardo Nencini  comunica la mia nomina a rappresentante del PSI in consiglio comunale e che consegnerò in copia al Presidente del Consiglio e al Sindaco”.

Il PSI mancava da tempo nella sala consiliare del Comune capoluogo della Provincia di Viterbo. Altri socialisti sono presenti nelle istituzioni comuni e nell’ente provincia. La presenza nel consiglio comunale della città di Viterbo è però la riconquista di uno spazio importante e siamo certi che Sergio Insogna, proprio perché i suoi sono i valori del socialismo, saprà anche essere amplificatore delle proposte del Partito, sostenere le iniziative per il giusto riconoscimento dei meriti, per i diritti civili e per il soddisfacimento dei bisogni.

Coordinamento PSI Federazione Viterbo

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*