Castel Gandolfo, Monachesi: “Il turismo che vogliamo è un turismo capace di dare emozioni e suggestioni”

Sabato 20 e Domenica 21 maggio 2017 le Guide autorizzate di Roma e Provincia danno vita al tour le “Bellezze dei Castelli Romani” in collaborazione con il Comune di Castel Gandolfo: “Questo è soltanto uno dei frutti concreti che stiamo raccogliendo dopo aver seminato per cinque anni la buona politica della promozione turistica che non si fa solamente con uno smartphone in mano o da casa dietro la tastiera ma con la volontà di fare rete INSIEME ai Comuni limitrofi e alle realtà del territorio”.

Con queste parole l’attuale prima cittadina e candidata sindaco Milvia Monachesi evidenzia come la promozione turistica è stata il filo conduttore che ha sempre ispirato e unito le scelte prese dall’amministrazione che continua a puntare sullo sviluppo eco-sostenibile, capace di tradursi in occupazione ed economia a beneficio di tutti i cittadini. Promozione del turismo non significa solo essere altamente “tecnologici” e installare qualche App, anche se a riguardo Monachesi INSIEME al suo gruppo ha iniziato un’attività di miglioramento della presenza digitale del Comune di Castel Gandolfo anche  attraverso l’interazione con i social networks, la pagina Facebook “Castel Gandolfo uno dei Borghi più belli d’Italia” e il profilo Instragram comunedicastelgandolfo: “Se abbiamo raggiunto risultati tangibili – prosegue Monachesi – è grazie soprattutto alla sinergia e rapporti costanti con gli operatori commerciali, le associazioni e i cittadini. Insieme abbiamo promosso eventi turistici e culturali, progetti comuni e la riscoperta delle nostre tradizioni e della nostra storia, come in occasione del Concorso per il Borgo dei Borghi, nel quale abbiamo valorizzato i prodotti locali enogastronomici  e promosso  il “ marchio castellano“. Siamo   stati anche  promotori e protagonisti della costruzione di un progetto turistico dei Castelli Romani (DMO), un’unità operativa centralizzata di promozione turistica che si interfaccia con aziende di comunicazione per lo sviluppo di campagne ad hoc, tramite l’utilizzo delle nuove tecnologiche che oggi si è realizzata e sta dando i suoi frutti, sostenuta da 17 sindaci e coordinata dal Sistema Bibliotecario dei Castelli Romani con il supporto del Parco Regionale dei Castelli Romani e dalla Comunità Montana. Come Castelli Romani abbiamo partecipato tra il 2015 e il 2017 ad oltre 14 fiere turistiche nazionali ed internazionali, incontrato e ospitato nelle singole realtà gli operatori turistici e prodotto e distribuito materiale promozionale del territorio in più lingue. Ed in quest’ottica abbiamo attivato anche una collaborazione con Visit Castelli Romani e Visit Lazio, l’agenzia del turismo della Regione Lazio, inserendo Castel Gandolfo in un circuito di iniziative realizzate in occasione dell’Anno dei Cammini (2016) e Anno dei Borghi (2017), entrambi indetti dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo”.

Il Comune di Castel Gandolfo è inoltre capofila di due importanti progetti riguardanti la valorizzazione della Via Francigena, e collabora strettamente con il relativo Comitato  per contribuire a promuovere questo nuovo filone turistico, con le potenzialità anche economiche che ne derivano: “C’è chi inserisce la valorizzazione della via Francigena nel proprio programma elettorale senza sapere che è già oggetto di due progetti fondamentali finalizzati alla sua promozione. Questo è un ulteriore dimostrazione che non ci si può improvvisare amministratori dall’oggi al domani senza conoscere realmente cosa succede sul territorio che si vorrebbe governare. I nostri programmi non si fermano solo alla via Francigena, abbiamo anche sottoscritto una convenzione per la ristrutturazione della fontana del Bernini in piazza della Libertà.  E favorito la destagionalizzazione dell’offerta turistica attraverso l’organizzazione di molti eventi culturali durante tutto l’anno”. Ma tanto ancora c’è da fare: “Puntiamo alla realizzazione di un Progetto Turistico – prosegue Monachesi –  in grado acquisire finanziamenti europei e per la prosecuzione nella realizzazione di eventi tutto l’anno. È nostra intenzione incentivare progetti come l’albergo diffuso e B&B rurali adatti ad innescare sul territorio processi di riqualificazione del patrimonio abitativo urbano e rurale . Ma anche il museo diffuso attraverso tutti i nostri siti ed in collaborazione con la Soprintendenza Archeologica Belle Arti, ottenendo il ritorno dei reperti recuperati negli anni  nel nostro territorio. Insomma tanto è stato fatto ma il nostro lavoro deve continuare in questa direzione, mettendo la promozione turistica al centro e per fare questo non si può essere da soli”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*