Pomezia, Waste Travel 360°, 350 alunni alla scoperta del viaggio virtuale nell’economia circolare

Waste Travel 360°, 350 alunni di Pomezia alla scoperta del viaggio virtuale nell’economia circolare. Al via la campagna nazionale che porterà l’innovativo progetto negli istituti di 40 Comuni.

E’ Pomezia l’ottava tappa nazionale di Waste Travel 360°, il primo progetto di realtà virtuale nell’economia circolare. Rifiuti considerati non più come scarti, ma come futura materia prima seconda dagli infiniti usi e di grande valore. Ideato da Ancitel Energia&Ambiente con il supporto tecnico della start up PEARLEYE HD Virtual Tour, e patrocinato da ANCI e Ministero dell’Ambiente, l’innovativo strumento didattico entrerà ora nelle scuole attraverso una campagna itinerante che nell’arco di 9 mesi coinvolgerà più di 10.000 studenti in 40 Comuni italiani.

Oggi e domani, oltre 350 alunni dell’Istituto comprensivo “Via della Tecnica” scopriranno questo strumento composto da immagini a 360°, navigabili intuitivamente da tutti i dispositivi, che permette ai fruitori di compiere una visita immersiva e interattiva nel mondo dei rifiuti, grazie alla resa grafica e alla qualità delle immagini HD. Il Waste Travel 360° permette di interagire direttamente con i materiali, dall’alluminio alla carta, dalle pile all’organico, dai RAEE agli pneumatici, quasi come in un impianto di selezione e valorizzazione reale. I giovani fruitori possono essere dunque parte attiva diventando anche parte integrante dello spazio e accompagnando i rifiuti nel processo di trasformazione e valorizzazione sino ai prodotti finali.

“Per la prima volta -spiega Filippo Bernocchi del Direttivo Nazionale di ANCI- tutti i flussi dei rifiuti sono racchiusi in un unico strumento di comunicazione, non più solo in un’ottica di raccolta differenziata ma di rifiuto che diventa risorsa e questo si chiama proprio economia circolare che è poi l’obiettivo cui il sistema paese è chiamato. Waste Travel 360° è un progetto innovativo e virtuoso nato dal basso, ovvero dall’esigenza di educare i cittadini alla cultura del riciclo, ma che può arrivare lontano grazie ai giovani, testimonial di messaggi positivi a difesa dell’ambiente”.

La prima fase del progetto, presentata al Teatro della Versiliana, è stata realizzata anche con il contributo ed in collaborazione con alcuni dei più importanti Consorzi di Filiera aderenti al Conai quali Cial per l’alluminio, Comieco per carta e cartone, Corepla per la plastica, Coreve per il vetro, Ricrea per l’acciaio e Rilegno per il legno. La seconda fase del progetto ha visto invece il contributo di Ancitel Energia & Ambiente e dei Consorzi CIC (compost), CONAU (abiti usati), Co.N.I.P. (imballaggi plastici), COOU (oli minerali usati), Cobat (RAEE e batterie) ed Ecopneus (pneumatici a fine vita), oltre al CDCNPA (Centro di Coordinamento Pile e Accumulatori).

“Con questa iniziativa, realizzata insieme ad Ancitel Energia&Ambiente, vogliamo fare formazione con i più piccoli su quello che avviene dopo la raccolta differenziata, ovvero su tutto il processo di riciclo. Considerato che visitare gli impianti spesso risulta complesso, la realtà virtuale ci consente comunque di farlo –dichiara l’Assessore Lorenzo Sbizzera- Con questo tipo di strumento, i bambini sono completamente immersi all’interno dell’impianto e sono in grado di vedere con i loro occhi quello che accade dopo la raccolta differenziata ed il riciclo. Sapere ad esempio che con 27 bottiglie di plastica si può produrre un maglione in pile e con 800 lattine si può costruire una bicicletta stimola i ragazzi a non scartare ma a differenziare.”

“Siamo soddisfatti di come sta procedendo la raccolta differenziata nella nostra Città, visto che abbiamo raggiunto oltre il 65% dei rifiuti differenziati –dichiara il Sindaco Fabio Fucci – Educare i ragazzi alla cultura del riciclo è fondamentale, perché accelera il processo della raccolta differenziata. Iniziative di questo genere aiutano a sensibilizzare i ragazzi alla salvaguardia e alla difesa dell’ambiente: differenziare significa ridurre gli scarti, avviare al riciclo e recuperare materia preziosa.”

[su_youtube_advanced url=”https://youtu.be/-msoIsKzyDM”]

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*