Rifondazione Comunista sostiene la lotta dei portuali di Gioia Tauro

Rifondazione Comunista sostiene la lotta dei portuali di Gioia Tauro. No ai 400 licenziamenti. Rifondazione Comunista sostiene lo sciopero di 10 giorni dei lavoratori del porto di Gioia Tauro che stamattina hanno bloccato la Salerno-Reggio Calabria. L’azienda privata che gestisce lo scalo (MCT) ha avviato il licenziamento collettivo di 400 lavoratori, una vera pugnalata per una regione che già soffre un tasso di disoccupazione elevatissimo. I lavoratori hanno ottenuto la fissazione di un incontro per mercoledì prossimo col ministro Del Rio. Solo la lotta può accendere i riflettori, suscitare l’attenzione dell’opinione pubblica e imporre al governo un intervento forte. Quella di Gioia Tauro è una grande vertenza nazionale e merita il massimo sostegno.

Maurizio Acerbo, segretario nazionale PRC-Se

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9903 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*