Le commissioni Scuola e Lavoro sul fabbisogno di personale educativo

La commissione Scuola, presieduta da Luigi Felaco, e la commissione Lavoro, presieduta da Vincenzo Solombrino, hanno discusso di programmazione delle assunzioni del personale nei nidi e nelle scuole dell’infanzia comunali. Sono intervenuti gli assessori all’Istruzione Annamaria Palmieri e al Lavoro Enrico Panini, il dirigente del servizio Diritto all’Istruzione Giovanni Paonessa e la dirigente del servizio Amministrazione giuridica risorse umane Giuseppina Sarnacchiaro.

Al centro della discussione di oggi, ha spiegato il presidente Solombrino, le problematiche legate al fabbisogno di personale per coprire le necessità del prossimo anno scolastico 2017-2018. Tre gli aspetti fondamentali da assicurare, secondo il presidente Felaco: garantire il servizio, riorganizzare il settore e colmare i vuoti di organico definitivi e temporanei causati da pensionamenti, congedi per maternità o inidoneità sopravvenute. Gli elementi da prendere in considerazione per definire il fabbisogno, ha spiegato l’assessora Palmieri, sono di diversa natura. Si parte dal numero di posti disponibili per ogni scuola, elemento certo, al quale vanno sommate una serie di variabili che si definiscono nei contenuti solo successivamente alla chiusura delle iscrizioni, ossia le domande, il numero dei bambini disabili che richiedono il sostegno e le indisponibilità di personale che si verificano nel corso dell’anno scolastico. Questi tre elementi, insieme alle risorse assegnate in bilancio, consentono di definire il quadro del personale necessario per garantire il servizio. Dopo la chiusura delle iscrizioni alle scuole dell’infanzia per il prossimo anno, si può già registrare con le 140 richieste pervenute un ulteriore aumento delle domande di sostegno, un trend in continua crescita. In attesa dei dati per gli asili nido, per i quali non sono state ancora aperte le iscrizioni, si sta cercando un’interlocuzione con l’Autorità di gestione per chiedere di rimodulare le risorse destinate ai nidi finanziati dai fondi dei Piani di Azione e Coesione (PAC), risorse esaurite in alcuni territori e ancora disponibili in altri.
La domanda di sostegno, ha spiegato il dirigente Paonessa, è uno degli elementi che influenza la necessità di maestre, che si affianca a quella di personale ausiliario e di figure di coordinamento didattico. Il fabbisogno per il 2017, calcolato per anno solare come previsto per gli enti locali, risulta essere di 118 nuove unità di personale da immettere in servizio, tra personale necessario per le sostituzioni (90) e unità da assumere a tempo indeterminato per colmare le carenze definitive (28). Facendo riferimento alle graduatorie esistenti, ha spiegato la dirigente Sarnacchiaro, si procederà ad inserire le unità di personale ancora disponibili della graduatoria del concorso esterno del 2015, essendo ormai esaurita la graduatoria di quello riservato e degli insegnanti di sostegno. Per coprire le esigenze temporanee e per quelle dell’area di vigilanza, invece, si procederà alla definizione di una nuova graduatoria. Tutto l’iter, comunque, potrà essere definito solo successivamente all’approvazione del bilancio e all’approvazione del piano da parte della commissione ministeriale competente. L’assessore Panini ha sottolineato, a proposito, la necessità di un’interlocuzione con l’ANCI e il Governo centrale sulla necessità di trovare soluzioni percorribili per rimodulare le politiche di assunzione rispetto ai servizi essenziali affidati agli enti locali. Una posizione condivisa dal consigliere Frezza (Riformisti democratici con de Magistris), che ha rilevato le difficoltà per un regolare svolgimento delle attività causate dalle indisponibilità temporanee di personale che non è possibile colmare.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9880 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*