Toninelli, M5S: “Pensioni parlamentari? Se i partiti continueranno a difendere i loro privilegi, il M5S raggiungerà il 40% stando fermo”

Danilo Toninelli (M5S), vice presidente Commissione Affari Costituzionali, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

Pensioni parlamentari. “La proposta del Pd è vergognosa ed offensiva per tutti quei cittadini che attraverso la legge Fornero andranno in pensione dai 70 anni in su e prenderanno una misera pensione –ha affermato Toninelli-. Il Pd ha bocciato la nostra proposta sulle pensioni privilegiate ai parlamentari che prendono 1000 euro a 65 anni se sono stati in carica almeno 4 anni. Poi hanno tagliato dell’1% i vitalizi d’oro degli ex parlamentari. Oggi gli italiani pagano 136 milioni all’anno per i vitalizi di questi ex parlamentari. Loro hanno tagliato 2 milioni di euro una tantum per soli 3 anni e dicono di aver tagliato le pensioni d’oro. Sono persone talmente scollegate dalla realtà che per loro è normale mantenere i privilegi della casta. Quando saremo in maggioranza noi li taglieremo del 100%”.

“Noi ieri abbiamo fatto una manifestazione di protesta totalmente pacifica –ha aggiunto Toninelli-, ci siamo messi fuori dall’ufficio della Presidente Boldrini mentre era in corso quella porcata e abbiamo semplicemente urlato ‘Vergogna!’. Se questo per loro è un atto violento… penso che manchi poco alla fine della vita dei loro partiti politici. Se continueranno così, il 40% noi del M5S lo raggiungeremo anche stando semplicemente fermi”.

Legge elettorale. “Il Pd da solo ha fatto 7 proposte di legge elettorale, ma dove vuole andare? Non si arriverà mai ad una quadra se ognuno pensa ai suoi interessi. Siccome il Pd sta andando in frantumi sta bloccando tutto il Paese. Renzi è l’artefice di questo disastro. Il rischio è che si vada a votare con queste due leggi diverse che sono state riscritte dalla Consulta”.

Fonte: Radio Cusano Campus

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*