Calcio, Giovanissimi Provinciali, Torre Angela, Procacci: “Obiettivo? Un posto nelle prime cinque”

Una scorpacciata di reti per i Giovanissimi provinciali fascia B del Torre Angela. La squadra di mister Paolo Procacci ha vinto con un larghissimo 15-1 il match interno con il malcapitato Atletico Lariano: protagonista dell’incontro è stato l’attaccante Santoro che ha realizzato un poker personale, ma nel corso del match c’è stata festa per diversi ragazzi del Torre Angela. «Una partita senza storia, troppe differenti i valori tra le due compagini – spiega Procacci – Già all’andata vincemmo 6-0, ma questo successo ha evidenziato una volta di più la crescita del nostro gruppo». Una squadra in salute quella dei Giovanissimi provinciali B del Torre Angela che ora non vogliono fermarsi. «Siamo al settimo posto in classifica – ricorda Procacci -, ma credo che ci siano margini per salire ancora: il nostro obiettivo dev’essere un piazzamento tra le prime cinque del campionato, una conferma dei progressi che abbiamo fatto nel corso di questa stagione». Un campionato che, già ora, può essere giudicato positivamente dal tecnico e dalla società. «Questo è un gruppo che è praticamente ripartito da zero e che è stato molto rinnovato – spiega l’allenatore dei Giovanissimi provinciali fascia B -. Inevitabilmente ci sono state delle difficoltà nella parte iniziale del lavoro, ma i ragazzi hanno sempre lavorato con costanza ed impegno. Abbiamo notato anche una certa crescita dal punto di vista della personalità e pure dello sviluppo fisico, per questo credo che il gruppo abbia gettato delle buone basi per la prossima stagione in cui si disputerà il campionato Giovanissimi fascia A». Nel prossimo turno, intanto, il Torre Angela sarà chiamato ad affrontare il Borussia in campo esterno. «Si tratta di un’altra squadra di bassa classifica che, però, all’andata fece una buona impressione e sul suo campo ci darà filo da torcere – avverte Procacci -. Dobbiamo dimenticare la goleada dell’ultimo turno perché stavolta ci sarà sicuramente da sudare».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*