Appio Latino, alla vista dei carabinieri ingoia 20 ovuli di eroina: arrestato dopo la lavanda gastrica



Un pusher di  27 anni, cittadino della Guinea e  già  noto alle forze dell’ordine, non appena ha visto una pattuglia dei Carabinieri della Stazione Roma San Giovanni che si avvicinava a lui, ha ingoiato venti piccoli ovuli di eroina, mettendo in serio pericolo la sua vita. E’ successo ieri, , in via Furio Camillo, nel quartiere Appio Latino.

L’uomo, un noto spacciatore della zona, deteneva in bocca le dosi che spacciava ai suoi clienti pronto ad ingoiarle in caso di controllo delle forze dell’ordine. E così quando i Carabinieri gli si sono avvicinati è stato visto ingerirle. Accompagnato al pronto soccorso dello Ospedale San Giovanni, poco dopo, grazie all’intervento dei sanitari è stato possibile recuperare i 20 ovuli che aveva ingerito e la sostanza in essi contenuta è stata sequestrata. Dai primi accertamenti con il narcotest è stato possibile stabilire che si tratta di eroina.

Il 27enne sarà condotto presso il carcere di Rebibbia, con l’accusa di detenzione di stupefacente ai fini di spaccio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.