I Piani di Azione e Coesione per gli anziani in commissione Welfare

La commissione Welfare, presieduta da Maria Caniglia, ha incontrato oggi i rappresentanti di alcune Municipalità per discutere le criticità e gli aspetti tecnici connessi all’avvio del Piano di Azione e Coesione rivolto agli anziani non autosufficienti. Sono intervenuti il Responsabile Unico del Procedimento per i PAC, Rossana Lizzi, il funzionario addetto ai PAC per la VIa Municipalità Giorgio Imparato, l’assessora al Welfare per la Va Municipalità Valentina Barberio e Costanza Boccardi, assessora al Welfare per la Xa Municipalità.

Obiettivo di questo primo ciclo di audizioni, ha dichiarato in apertura la presidente Caniglia, è quello di fare il punto sullo stato di avvio del Piano di Azione e Coesione per gli anziani non autosufficienti in ogni Municipalità, tenuto conto dei notevoli ritardi registrati per un servizio fondamentale per il quale non è pensabile perdere i fondi europei stanziati.
Sollecitati dalle consigliere intervenute, Francesca Menna (Movimento 5 Stelle) e Anna Ulleto (Gruppo Misto), i rappresentanti delle Municipalità hanno posto all’attenzione della Commissione una serie di criticità connesse all’impiego dei fondi PAC. Un primo problema riguarda le quote di compartecipazione previste per l’Assistenza Domiciliare Integrata (ADI), a carico dell’ASL, e per l’Assistenza Domiciliare Socio Assistenziale (ADSA), a carico degli utenti, e la disponibilità dei fondi tra il primo riparto (scaduto il 31 agosto 2016) ed il secondo riparto (settembre 2016 – giugno 2017). L’ASL non è in grado di reperire i fondi per il cofinanziamento, è stato spiegato, rendendo di fatto inutilizzabili i fondi per l’ADI, come è avvenuto per la VI Municipalità. Allo stesso modo, c’è un problema di utenti interessati all’ADSA: senza considerare coloro che – con un ISEE inferiore a 10.000 euro – non devono pagare nulla in compartecipazione, gli altri anziani destinatari del provvedimento potrebbero ritenere non economicamente vantaggiose le tariffe orarie previste, questo comporta che in alcune Municipalità non ci sono richieste, mentre in altre ci sono liste di attesa. Il problema, è stato osservato, è anche legato al tipo di servizio offerto e al numero di ore coperte, per il quale le persone anziane potrebbero diffidare di operatori che non conoscono. A tal fine sarebbe utile un’adeguata campagna di informazione tramite i medici di base e i centri di assistenza. Sollevati anche problemi di carattere finanziario, perché le richieste di riprogrammazione dei fondi presentate in diverse Municipalità (l’Autorità di Gestione ministeriale ha infatti acconsentito a riassegnare nel secondo riparto i fondi non spesi nel primo) richiedono un apposito stanziamento nel bilancio di previsione, è necessario quindi capire come l’amministrazione intende agire.
Necessario, ha concluso la presidente Caniglia, procedere all’ascolto di tutti i rappresentanti delle Municipalità per avere, nel corso della prossima settimana, un confronto con l’assessora al Welfare Roberta Gaeta sugli indirizzi da seguire per risolvere globalmente queste criticità.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 10240 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*