La stabilizzazione dei lavoratori Socialmente Utili in commissione Lavoro

La commissione Lavoro e attività produttive, presieduta da Vincenzo Solombrino, ha oggi incontrato l’assessore al Lavoro Enrico Panini per una discussione, sollecitata dalle consigliere Bismuto (Dema) e Quaglietta (PD), sul problema della stabilizzazione dei Lavoratori Socialmente Utili. Un ordine del giorno unitario, nel prossimo Consiglio comunale, manifesterà la volontà del Consiglio di proporre al Governo e al Parlamento una soluzione definitiva per la stabilizzazione dei 546 LSU che lavorano nel Comune mentre, a livello comunale, l’amministrazione dovrà intervenire per dotare di liquidità la Napoli Servizi che è stata impegnata ad assumere gli ultimi 50 LSU ancora in attesa della stabilizzazione in base all’accordo del 2010 per 170 unità complessive.

Problema, quello della stabilizzazione degli LSU, eminentemente nazionale, hanno detto le consigliere Bismuto e Quaglietta sottolinenando: che si tratta offrire una prospettiva credibile a questi lavoratori facendoli uscire definitivamente da una condizione di precarietà storica e che, per questo obiettivo, occorre rimuovere a livello nazionale sia i limiti del Patto di Stabilità che il blocco al 25% del turn over che impedisce di sostituire i lavoratori comunali che vanno in pensione (Bismuto) e che, se confermati i dati sui pensionamenti dei dipendenti comunali nel 2017 e 2018, andranno in forte sofferenza i servizi che ora contano sull’apporto dei lavoratori socialmente utili, ai quali, peraltro, va riconosciuta la possibilità di un inquadramento nelle categorie corrispondenti all’apporto professionale (Quaglietta).

Sia alcuni rappresentanti della delegazione presente ai lavori che i consiglieri intervenuti hanno sottolineato l’anomalia tutta meridionale di questa situazione, che non ha corrispondenza in nessun Paese dell’Unione Europea che pure finanzia gli accordi per l’impiego di questi lavoratori e: richiesto risposte concrete anche da parte dell’amministrazione che sembra aver dimenticato l’urgenza dei problemi (Esposito del PD); sottolineato l’opportunità di una iniziativa politica che porti all’attenzione delle istanze nazionali il problema di un accompagnamento dignitoso alla pensione, dove possibile, e di verifica delle opportunità di stabilizzazione (Frezza di Riformisti democratici con de Magistris); manifestato la piena disponibilità ad un’iniziativa che, anche attraverso l’attivazione di tavoli a livello regionale e nazionale, renda possibile e praticabile il superamento di questa situazione (Guangi di Forza Italia).

La complessità, sia economica che procedurale, della questione è stata riassunta dall’assessore al Lavoro che, in premessa, ha ricordato sia la scelta di campo precisa fatta dal Comune, che, unica tra le amministrazioni che utilizzano gli LSU, ha portato da 25 a 30 (in casi particolari a 36 con integrazioni specifiche) le ore di impiego che la presa di posizione del Sindaco che ha sostenuto con il Governo e con l’Anci la necessità di stabilizzare l’intero bacino. L’ultimo piano di stabilizzazione risale al 2010 ed era fondato sulla legge finanziaria del 2009, per questo è nella nuova legge di bilancio dello Stato che andrà prevista una norma specifica sia per le assunzioni che per l’inquadramento in categoria “c” (che per legge deve avvenire necessariamente per concorso, a differenza delle categorie più basse per le quali è possibile la chiamata dalle graduatorie). Il Comune, ha concluso l’assessore, ha manifestato la disponibilità a stabilizzare l’intero bacino alla Regione, che era stata sollecitata dalla Corte dei Conti a rinnovare la convenzione con l’Inps, che eroga l’assegno, solo nella prospettiva di una stabilizzazione, e la convenzione è stata firmata per un altro anno: il ritardo della procedura e anche complicazioni di carattere finanziario contabile hanno impedito il pagamento dell’assegno per il mese di gennaio che comunque avverrà in tempi brevi. Per quanto riguarda l’ultima tranche di lavoratori – 50 dei 170 – da assorbire negli organici in base alla finanziaria del 2009, verificata l’impossibilità di una stabilizzazione in Anm, che ha dichiarato di avere 250 esuberi, l’amministrazione ha deciso che sarà la partecipata Napoli Servizi a stabilizzare; in questo caso, sarà in sede di bilancio di previsione che dovranno essere risolti i problemi contabili che consentiranno al Comune di riversare le risorse necessarie sulla partecipata che negli ultimi mesi ha dovuto gestire l’assorbimento dei lavoratori di Napoli Sociale e si trova al momento in crisi di liquidità.

(Visited 26 times, 1 visits today)

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9851 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*