La seduta del Consiglio è terminata con l’approvazione di dieci delibere e di un ordine del giorno

Il Consiglio comunale ha approvato nove delibere di variazione di bilancio, una delibera di proposta al Consiglio e un ordine del giorno sulla promozione delle opere artigianali e artistiche della città.

Prima che si entrasse nella discussione sulle delibere iscritte all’ordine dei lavori, la consigliera Valeria Valente (PD) ha chiesto la la verifica del numero legale, constatato in 22 presenti.
La prima delle numerose delibere di variazione di bilancio all’attenzione del Consiglio, riguardante la riprogrammazione di capitoli di bilancio per il finanziamento di interventi di illuminazione pubblica e monumentale, introdotta dall’assessore al Bilancio Salvatore Palma, è stata approvata all’unanimità.

Anche la seconda delibera, sulla compartecipazione degli utenti dell’asilo nido Faraglia, illustrata dall’assessora all’istruzione Annamaria Palmieri, è stata approvata all’unanimità dei presenti.

Il Vicesindaco Del Giudice ha quindi illustrato la terza delibera in discussione, concernente variazioni di bilancio per il rilascio di carte di identità elettroniche per la II Municipalità, poi approvata all’unanimità, e la delibera 728, sullo stesso argomento ma riguardante la X Municipalità. Su questo punto è intervenuto il consigliere Palmieri chiedendo il motivo per il quale le delibere sullo stesso tema non siano comprese in un unico atto; dopo i chiarimenti procedurali dell’assessore Del Giudice, la delibera è stata approvata a maggioranza con la contrarietà del Partito Democratico. Nello stesso modo è stata approvata la delibera 701, sempre riguardante il rilascio di carte di identità elettroniche nella III Municipalità. Anche la delibera 699, riguardante la VII Municipalità, è stata approvata a maggioranza con l’opposizione del PD.

L’assessore Palma ha poi illustrato la delibera 734 del 25 novembre 2016, che prevede “variazioni di bilancio volte alla ridefinizione di tassonomia di specifiche azioni gestionali e all’adeguamento di stanziamenti di entrata e di spesa, anche mediante applicazioni di avanzo vincolato per specifiche finalità puntualmente individuate”.

Nel dibattito sono intervenuti: il consigliere Matteo Brambilla (M5S) richiamando il parere del Segretario Generale in merito alle prescrizioni del Testo unico degli Enti Locali e rilevando che non sono attestati dai dirigenti i caratteri di effettiva urgenza, che spesso i consiglieri si trovano a lavorare su documenti incompleti; la consigliera Valeria Valente (PD), stigmatizzando il ricorso da parte della Giunta alle delibere assunte con i poteri del Consiglio, ha denunciato che in questo modo, di fatto, si procede ad una vera e propria manovra di bilancio, scavalcando le prerogative del Consiglio, ed ha preannunciato un ricorso alla Corte dei Conti proprio sui motivi di urgenza oltre a denunciare la scarsa presenza in Aula del Sindaco, fatto ancor più grave se si tiene conto che le calendarizzazioni delle sedute avvengono sulla base delle sue disponibilità; Manuela Mirra (Riformisti democratici con de Magistris), presidente della commissione Bilancio, ha ricordato che la delibera è stata esaminata in commissione, insieme al parere favorevole dei revisori dei conti. Dopo la replica dell’assessore Palma, che ha ribadito il rispetto delle procedure amministrative e chiarito che gli atti assunti dalla Giunta sono volti a liberare fondi in riferimento a indirizzi politici già affermati nel 2015, la delibera è stata approvata a maggioranza con la contrarietà di PD, M5S, e Napoli Popolare.

Sulla delibera 739, introdotta dall’assessore al Patrimonio Borriello, relativa all’ottimizzazione dei fitti passivi, in particolare dell’immobile di Via Raimondi, sono intervenuti i consiglieri Palmieri (Napoli Popolare), che ha criticato la mancata programmazione degli interventi, e il consigliere Brambilla (Movimento 5 Stelle) che ha concordato sulla mancanza di urgenza per un atto riferito ad un immobile già da anni oggetto di fitto passivo e rispetto al quale era ben nota l’esigenza di spesa, rilevando che i fitti passivi finiscono per ricadere sui cittadini.

L’ultima delibera di variazione di bilancio all’esame del Consiglio di oggi, la n. 740, illustrata dall’assessora al Welfare Gaeta, fa riferimento alla possibilità di utilizzare i fondi per la non autosufficienza per gli assegni di cura a favore di circa 750 utenti; è stata approvata all’unanimità.
L’assessore alle Infrastrutture Calabrese ha quindi illustrato la delibera 579/2016 che propone l’acquisizione di una porzione del terreno di proprietà Simeoli necessario per realizzare l’impianto di sollevamento del sistema fognario della collina dei Camaldoli. Nel dibattito sono intervenuti i consiglieri: Simeone (Dema), che ha sollecitato un’azione di rivalsa nei confronti della società esecutrice dei lavori che avrebbe dovuto a suo tempo provvedere a questa acquisizione che avrebbe comportato un minore esborso per il Comune; Brambilla (Movimento 5 Stelle) che ha ricordato di aver sollevato personalmente in commissione la questione del maggiore esborso causato dalla condotta della società; Nonno (Prima Napoli) che ha osservato che la responsabilità di tale comportamento va addebitata esclusivamente al responsabile del procedimento che non ha provveduto ai controlli. Nella replica l’assessore Calabrese ha precisato che la delibera risolvere definitivamente la questione del fondo Simeoli mettendo fine a cattive pratiche del passato sui tempi dell’esproprio e dell’inizio lavori. Dopo l’approvazione di un emendamento presentato dalla commissione Infrastrutture, illustrato dal presidente Simeone, che mira a risolvere situazioni analoghe per il futuro, l’atto deliberativo è stato approvato all’unanimità.

Esaurite le delibere di variazione di Bilancio iscritte all’ordine dei lavori, la consigliera Bismuto è intervenuta per illustrare la propria scelta di aderire al gruppo Dema, così come annunciato dal consigliere Capasso, scelta dettata dal desiderio di continuità con il progetto rappresentato dal Sindaco de Magistris.

Dopo aver rinviato, con un voto all’unanimità, la proposta del consigliere Capasso di approfondire ulteriormente, prima della discussione in Consiglio, la delibera sull’inserimento nello Statuto di “Napoli città di Pace”, il Consiglio ha approvato all’unanimità, prima dello scioglimento della seduta, un ordine del giorno proposto dal consigliere Brambilla (Movimento 5 Stelle) e fatto proprio da tutti i gruppi consiliari. L’ordine del giorno propone che gli artisti napoletani siano invitati a donare alcune delle loro opere agli ospiti delle istituzioni cittadine, facenti parte di delegazioni, sia nazionali che internazionali, per promuovere la creatività degli artisti napoletani.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9896 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*