Anguillara, sottopasso: le osservazione dell’ufficio tecnico

In relazione al sottopasso su “Via Anguillarese” l’Amministrazione rende noto che con lettera Prot. 34916 del 6.12.2016 ha inviato una missiva all’Area Metropolitana di Roma nella quale sottoponeva all’attenzione della stessa alcuni aspetti essenziali. L’Amministrazione intende chiarire prima di dichiarare la pubblicità dell’opera così come per legge.
L’ufficio tecnico, dopo un’attenta valutazione della progettazione, e da un’attenta analisi della situazione idrogeologica della zona ha avanzato le seguenti osservazioni:

  1. La parte morfologica dell’area esaminata presenta delle quote sul livello del mare sbagliate (90 m slm circa invece di 160 m slm), di conseguenza anche tutte le quote dei boccapozzi dei sondaggi, in particolare quello allestito a piezometro risultano diverse;
  2. I valori di oscillazione della falda superficiale, presente nella zona oggetto di studio non è stata monitorata in quanto nello stesso foro adibito a piezometro è stata effettuata una sola prova geofisica, ed è presente una sola lettura freatimetrica in data 05/05/2011 nel sondaggio S 2;
  3. Alcuni elaborati tecnici della Relazione Geologica integrativa in data Maggio 2014 presentano delle imprecisioni, carta geologica, carta delle pendenze, carta idrogeologica e per finire la carta di idoneità territoriale, la quale afferma, che non vi è alcun rischio di esondazione e non mette nessuna prescrizione all’opera in via di realizzazione;
  4. Risulta assente uno studio più approfondito dei rischi idraulici sul fosso della “Casaccia” a valle dell’opera, che presenta già criticità acclarate;
  5. Lo scopo delle verifiche idrauliche è quello di dimostrare la compatibilità dello scarico nel Fosso della Casaccia e di trovare l’altezza idrica in concomitanza della piena duecentennale da confrontare con l’altezza del tubo di scarico rispetto al fondo del fosso per cautelarsi da eventuali rigurgiti o allagamenti del sottovia. Tutti questi calcoli sono stati effettuati con quote sbagliate(96,40 s.m.s. e 97,27 s.m.s.);
  6. In ordine all’art. 8 della convenzione da Voi inviata nel quale si evidenzia “Le opere realizzate in sostituzione del passaggio a livello ed a norma del presente atto, comprese quelle accessorie e conseguenti, quali l’impianto di sollevamento delle acque meteoriche e gli impianti di illuminazione si intendono acquisite in proprietà al Comune di Anguillara previo verbale di constatazione…”, si significa sin d’ora che il Comune di Anguillara Sabazia, non ha risorse economiche adeguate per poter far fronte a tale tipo di manutenzione e controllo.

Tutto ciò premesso si ritiene che gli elaborati geologici ed idrogeologici acclusi al progetto per la soppressione del passaggio a livello al km 30 + 875 mediante la realizzazione di un sottovia carrabile al km 30 + 935 non trattino le problematiche di settore in maniera esaustiva, presentando ampie lacune sia nel settore di raccolta dei dati sia nel campo della loro successiva elaborazione.
Tali manchevolezze pregiudicano la corretta conoscenza geologica ed idrogeologica del territorio interessato, con la conseguenza di sottovalutare le maggiori problematiche presenti nell’area oggetto di studio.
In conclusione si prega di valutare l’opportunità di costituire un tavolo tecnico volto ad approfondire tali osservazioni e questioni tecniche al fine di procedere, nel più breve tempo possibile alla delibera di pubblicità dell’opera oltre ai successivi adempimenti di legge.
Il Sindaco
Sabrina Anselmo
L’Assessore all’Urbanistica
Avv. Andrea Piccioni

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*