Roma, migranti, Santori-Figliomeni, FDI: “100 milioni per il nuovo bando, dal governo regalo di natale al business dell’accoglienza”

Mentre per il Lazio e per Roma non si trovano risorse per sanità, decoro o messa in sicurezza del territorio, piovono ancora soldi per l’accoglienza dei migranti esponendo la nostra regione al rischio dell’ennesima ondata di stranieri irregolari.  Con la gara europea della Prefettura di Roma da oltre 100 milioni di euro per il 2017, il governo confeziona anticipatamente il regalo di Natale a chi dell’immigrazione ha fatto ormai il proprio business a discapito degli italiani. Questo fenomeno che affonda le radici nelle cosiddette Primavere arabe ormai ha numeri da capogiro, se si pensa che in Italia solo lo scorso anno sono sbarcati 283mila irregolari, e il Lazio è la Regione con maggior numero di migranti accolti. Eclatanti gli esempi di via Cupa, con 500 persone accampate, della Croce Rossa di via Ramazzini con oltre 450 e di Pietralata con oltre 300 ospiti, o dell’Hotel Gelsomino in zona Aurelio con 250 immigrati, solo per ricordare gli ultimi casi. Senza dimenticare i numerosi centri aperti nella provincia di Roma. Numeri che portano degrado e insicurezza in quei quartieri dove di pari passo con i centri di accoglienza spesso aumenta anche l’illegalità. Vivere nei pressi di un centro migranti può voler dire per i cittadini fare i conti con degrado, molestie o aggressioni. Il tutto sulle spalle degli italiani che con le loro tasse pagano questa assurda accoglienza forzata, dietro alla quale il più delle volte si cela il guadagno di associazioni che operano con i migranti lucrando e alimentando la situazione di emergenza che si è venuta a creare.

E’ quanto dichiarano gli esponenti di Fratelli d’Italia Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio, e Francesco Figliomeni, consigliere capitolino.

Informazioni su Emanuele Bompadre 10779 Articoli

Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l’enduro, l’importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*