In commissione Welfare i temi del contrasto alla violenza sulle donne



La commissione Welfare, presieduta da Maria Caniglia, ha svolto oggi un approfondimento sulle attività svolte in ambito sociale per contrastare la violenza sulle donne in vista della Giornata internazionale che si celebra il prossimo 25 novembre, alla quale è dedicata anche la riunione monotematica del Consiglio Comunale prevista per il 24 novembre.

Alla riunione odierna hanno partecipato l’assessora al Welfare Roberta Gaeta e la dirigente del servizio comunale Servizio Contrasto delle Nuove Povertà e Rete delle Emergenze Sociali Rosaria Ferone. Molte le domande che la presidente Caniglia e le consigliere presenti – Quaglietta (PD), Ulleto (Misto), Bismuto e Mirra (De Magistris Sindaco) – e il consigliere Andreozzi (Dema) hanno posto sulle procedure che vengono seguite per prendere in carico le donne vittime di violenza, sul funzionamento delle strutture protette, sui centri antiviolenza comunali, sulla rete che lega il Comune alle altre strutture pubbliche e private che sul territorio operano per il contrasto alla violenza. Ampia parte della discussione è stata anche dedicata, con l’intervento della consigliera Coccia (Sinistra Napoli in Comune a Sinistra) alle misure cautelari che la legge prevede, come l’allontanamento del violento, alla convenzione di Istambul (La Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica firmata nel 2011) che rappresenta il punto di riferimento per ogni politica in questo campo.

L’assessora Gaeta ha innanzitutto spiegato che l’azione comunale per il contrasto alla violenza sulle donne, per la parte di propria competenza, che è quella delle politiche sociali, si ispira al principio dell’individuazione dei bisogni delle persone e alla predisposizione dei servizi integrati sul territorio: soltanto la rete costituita dai centro sociali, dai centri antiviolenza, dai poli territoriali per la famiglia, dai servizi di educativa territoriale può garantire, sotto la regia pubblica, di individuare i bisogni, di diffondere le informazioni necessarie e di prendere poi in carico i soggetti che hanno bisogno di aiuto accompagnandoli in un percorso di protezione ma anche di elaborazione di vie d’uscita da situazioni drammatiche.
Il percorso che le donne possono seguire per sottrarsi alla violenza, nei casi più gravi quando hanno bisogno di allontanarsi dalla famiglia, spesso con i loro bambini, è stato descritto dalla dirigente Ferone: dalla denuncia all’autorità di pubblica sicurezza ai colloqui con professionalità diverse fino alla messa in sicurezza nei centri di accoglienza, per i quali il Comune paga una retta giornaliera, dove il percorso, della durata di circa 6 mesi, prosegue per mettere in condizione le donne di “pensare al futuro”.

Per quanto riguarda specificamente i CAV, i centri antiviolenza, che hanno una funzione diversa, quella di promuovere l’informazione e di attivare, al loro interno, percorsi di ascolto, accoglienza, filtro, orientamento ed attività di consulenza specialistica rivolta a donne vittime di violenza, l’assessora Gaeta ha spiegato che si sono concluse in agosto le procedure del bando pubblico per l’apertura dei cinque centri previsti in città, uno ogni due Municipalità, procedure piuttosto complesse, ha spiegato la dirigente Ferone, soprattutto per i requisiti dei partecipanti che, in base proprio alla Convenzione di Istanbul, sono molto precisi. I soggetti che si sono aggiudicati la gestione dei centri sono la rete Arci Donna, due cooperative sociali, la cooperativa Quadrifoglio. I centri aperti sono finora due, e tra questi quello centrale, di Via Concezione a Montecalvario, che servirà le Municipalità I e III.

Prima del Consiglio comunale monotematico sull’intera tematica del Welfare cittadino, che si terrà il prossimo 30 settembre, la presidente Caniglia ha preannunciato un nuovo incontro della commissione con l’assessora Gaeta per approfondire i temi più importanti.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 12094 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.