Veto su bilancio UE, Bordo: “È arrivato il momento di far capire all’Europa che deve cambiare registro”

Michele Bordo, deputato del Pd e Presidente Commissione per le politiche europee della Camera, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Il mondo è piccolo”, condotta da Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

Italia pronta a mettere veto su bilancio Ue. “Fino a questo momento –ha affermato Bordo- l’Ue non ha riconosciuto l’importanza delle emergenze che sono in capo innanzitutto al nostro Paese, specie per quanto riguarda l’immigrazione. Noi abbiamo detto che o ci danno più risorse per gestire queste emergenze oppure noi non votiamo a favore del bilancio. Questo è il momento in cui finalmente l’Europa capisca che o cambia registro oppure il rischio che corriamo seriamente è che i cittadini si allontanino ancora di più e che si affermino ancora di più i populismi e le destre, che potrebbero far saltare completamente i meccanismi dell’Unione Europea”.

Gli ammonimenti di Bruxelles sulla legge di bilancio. “Noi non violiamo nessun patto di stabilità –ha aggiunto Bordo-. Noi abbiamo detto chiaramente che ci sono delle emergenze che riguardano il nostro Paese che vanno affrontate non con l’idea che ha l’Europa di rispettare le virgole dei parametri. Queste emergenze (terremoto e immigrazione) non possono essere contenute nel patto di stabilità, su questo c’è bisogno di più flessibilità. E’ l’Europa che continua a non rispettare le emergenze e a vivere una realtà virtuale che non è quella che i cittadini vivono tutti i giorni. Non possiamo dire ai cittadini che non si può intervenire nella ricostruzione perché altrimenti sforiamo di una virgola il patto di stabilità”.

Per le opposizioni la presa di posizione di Renzi è solo propagandistica in vista del referendum. “Chi fa affermazioni di questo genere è chiaramente in malafede e strumentalizza la campagna elettorale. Noi su questi temi ci stiamo impegnando da molto tempo” ha concluso Bordo.

Fonte: Radio Cusano Campus

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*