Cittadini di Bracciano: “La nostra libertà di azione non piace alla politica spettacolo”

[su_quote]

L’etimologia ed il significato della parola politica deriva dalla lingua greca e si riferisce all’arte di organizzare e amministrare una città.  Da un originario concetto positivo e stimolante si è passati oggi a considerare la politica come qualcosa collegata all’intrigo ed alla corruzione, spesso giustamente, purtroppo, per circostanze e azioni deplorevoli che vanno certamente condannate.

Ma a noi piace considerare ancora la politica come un impegno a favore della cittadinanza e del proprio territorio, come una rispettosa  proposta di idee, non un tentativo di imposizione,  al fine di determinare  un contributo positivo ed utile a supporto della collettività.

Non solo, quindi, non ci appartiene e condanniamo la politica corrotta, ma non ci piace nemmeno la politica spettacolo che ormai ha preso il sopravvento rispetto alla concretezza delle azioni non solo a livello nazionale ma anche a Bracciano.

Siamo consci di rappresentare in Consiglio comunale solo un contenuto numero di cittadini e, quindi, siamo minoranza al suo interno,  ma cerchiamo di portare avanti tutti quei provvedimenti che riteniamo possano giovare all’interesse comune, indipendentemente da chi li propone. Ora veniamo accusati di un certo appiattimento sulle posizioni della maggioranza per aver votato favorevolmente alcuni atti condividendone le impostazioni o, quantomeno, le prospettive finanziarie da salvaguardare.  Una certa minoranza, invece, vota contro a prescindere, pur non avendo nulla di veramente alternativo da proporre. E si tratta di una minoranza multiforme, non omogenea  nei programmi, unita solo nel contrastare o intralciare qualsiasi azione intrapresa dall’Amministrazione.

Come già più volte evidenziato in passato,  rappresentiamo un gruppo civico ed il nostro rappresentante in Consiglio non esprime il proprio voto solo in base agli schieramenti, bensì valuta e condivide, di volta in volta insieme al gruppo,  ogni singolo provvedimento nella sostanza, non per far piacere o torto a qualcuno. Questa nostra libertà di azione chiaramente non piace alla politica spettacolo portata avanti da altri, per cui in occasione delle nomine dei rappresentanti delle  “minoranze” in seno alle Commissioni comunali, le nostre proposte non sono state prese in considerazione dagli altri gruppi di minoranza perché non ci considerano appartenere alla minoranza per aver votato favorevolmente alcune delibere condivise.

Ci spiace questo comportamento poco ortodosso, non certo conforme alla  democrazia rappresentativa tanto sbandierata, ma non sarà certo la mancata presenza nelle Commissioni  di un paio di nostri segnalati che ci farà cambiare atteggiamento nei confronti della politica spettacolo. Politica, o presunta tale, che antepone le formalità burocratiche alla sostanza, che sbandiera rinunce a gettoni di presenza a favore della collettività omettendo di precisare che tale gettone assomma a circa euro 10 netti, moltiplicati per circa 10 sedute all’anno,  iniziativa lodevole e meglio che niente ma certamente poca cosa in valore reale. Politica, o presunta tale, che, per la rendicontazione delle spese sostenute per le elezioni,  si fa vanto di una trasparenza formale negata ad altri ai quali, anzi, si fa carico di una ovvia reticenza.

Noi siamo trasparenti e non sentiamo la necessità di apparire tali proprio  perché lo siamo profondamente e, nel caso specifico, abbiamo ottemperato ai vigenti dettami legislativi inviando,  alla Corte d’ Appello di Roma ed al Consiglio comunale di Bracciano, la rendicontazione delle spese sostenute, atto che non sappiamo se sia stato adempiuto da tutti.

Purtroppo i problemi reali ed impellenti sono altri e richiedono il contributo di tutti, lasciando da parte le sedicenti beghe politiche ed i personalismi esasperati. Bracciano ha bisogno di uno sforzo comune, ed il più condiviso possibile, per uscire dallo stagno economico finanziario in cui è immersa e necessita di una progettualità per il futuro che può essere realizzata con il contributo di tutti.

[/su_quote]

Informazioni su Ruggero Terlizzi 3260 Articoli

Ruggero Terlizzi è il classico nerd, tecnologia, fumetti, videogames, serie tv e tutto quello che è classificabile nella categoria. È un ottimo disegnatore e ha sempre a portata di mano un taccuino dove fare qualche schizzo. Appassionato anche di auto ha tenuto la rubrica motori su Il Tabloid Motori e da settembre gestisce la rubrica Tech su Il Tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*