Cisterna di Latina, aumenti sulle bollette idriche, il no del comune ai rincari proposti da Acqualatina

Ieri, nel corso dell’assemblea dei Sindaci dell’Ato 4, il sindaco Eleonora Della Penna si è fermamente espressa contro la proposta di adeguamento tariffario presentata da Acqualatina e il conseguente aumento delle bollette per i cittadini del 9%.

“L’impegno della nostra amministrazione comunale – ha affermato il Sindaco – è quello di migliorare questo servizio che troppe volte ha mostrato le sue criticità sul nostro territorio. Contestualmente, è nostro dovere pensare al contenimento dei costi per i cittadini. E’ noto ormai come negli anni (in particolare in questi ultimi mesi) abbiamo ingaggiato un confronto serrato con Acqualatina, dovuto proprio ai problemi sulla rete idrica, in particolare a Le Castella dove i disagi sembrano essere conclusi. Quindi, la nostra battaglia noi la portiamo avanti da tempo. Il dato importante emerso in questi giorni è che, dopo quindici anni, i sindaci finalmente impongono un primo stop alla società. Come ho detto in assemblea, presentare una proposta alternativa a quella avanzata da Acqualatina, senza poter entrare nel merito delle scelte fatte dalla società, significava tagliare arbitrariamente 10 milioni di euro di investimenti a danno dei nostri comuni ma a fronte di una riduzione di appena due punti e mezzo. Certo è che l’istanza presentata dal gestore ha completamente bloccato ogni opportunità di valutare qualsivoglia alternativa rispetto alla proposta di piano tariffario. L’unica soluzione – ha aggiunto Della Penna – così come proposto da alcuni sindaci nel corso dell’assemblea, è valutare se l’istanza presentata da Acqualatina sia stata o meno tardiva o se vi sono altri spazi di confronto anche con l’Autorità Nazionale. Stupisce la velocità con cui la stessa Autorità ha voluto diffidarci dall’approvare questa proposta di aumento tariffario e il fatto che da tempo chiediamo un confronto che fatichiamo ad avere. E’ evidente che oggi i sindaci – ha fatto notare il Primo cittadino di Cisterna – sono chiamati ad esprimersi e ad assumersi la responsabilità della loro scelta. Il gestore ha il potere, grazie a questa istanza, di aumentare le tariffe ma noi presenteremo la delibera con cui oggi abbiamo dato il parere contrario: questa presa di posizione deve avere un senso e l’Autorità Nazionale non può non tenerne conto e ignorare le esigenze avanzate dai nostri territori. A questo punto il rapporto con Acqualatina – ha concluso Della Penna – deve essere più chiaro ma è evidente che le battaglie politiche si sposteranno in un’altra sede nella certezza che i sindaci vogliono contare qualcosa e iniziare a dire la loro”.

Hanno votato contro l’approvazione del quarto punto all’ordine del giorno, relativo proprio agli aumenti tariffari, 21 sindaci in tutto: Latina, Aprilia, Terracina, Formia, Bassiano, Castelforte, Itri, Lenola, Maenza, Minturno, Norma, Pontinia, Roccagorga, Sezze, Priverno, Prossedi, Sermoneta, Sonnino, Spigno Saturnia, Nettuno e Cisterna.

Informazioni su Giovanni Soldato 3194 Articoli
Giovanni Soldato, specialista della fotografia.... secondo lui, ottima penna sia in ambito sportivo ma soprattutto nell'ambito dei motori. Nato a Barberino del Mugello appena ha tempo mette le due ruote in pista. Collaboratore de Il Tabloid cura la provincia di Latina, le notizie nazionali e dall'estero.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*