Roma – Diversamente abili VS Metro, Simone e Claudio di nuovo a Termini, qual è il verdetto?

Ancora una volta Claudio Palmulli e Simone Carabella sono scesi in strada per verificare se la situazione della mobilità romana sia realmente a misura di disabile oppure no. Dopo le innumerevoli maratone per i diritti dei disabili ma non solo, la coppia ha voluto invitare tutti i candidati alla carica di sindaco del comune di Roma per capire la loro posizione nei confronti di una situazione che per la maggior parte dei cittadini non è un problema.

All’appuntamento, davanti la stazione Termini, si sono presentati Virginia Raggi, Michel Emi Maritato e Guido Bertolaso, che oltre a toccare con mano realmente la situazione hanno risposto alle domande di Claudio.

In una città come Roma pare paradossale che un disabile non possa essere libero di muoversi perché non ci sono i servizi adeguati, e, dove ci sarebbe la possibilità, a causa di una burocrazia che da sola vale come tutte le barriere architettoniche della capitale, non è comunque possibile usufruire di montacarichi e ascensori, come nel caso della stazione Flaminio, quella che porta a Piazza del Popolo, dove ci sono i servizi ma per un mancato collaudo non è possibile utilizzare.

“Vorrei prima di tutto ringraziare chi è intervenuto – ci dice Claudio – Virginia Raggi, che ha preso molto a cuore il problema, Maritato e Bertolaso, che hanno di fatto dimostrato interesse verso i disabili. Purtroppo, come spesso accade, anni di malapolitica hanno fatto si che a rimetterci sono stati i cittadini e in questo caso quelli che hanno delle problematiche motorie. Sono anni ormai che io devo chiedere aiuto ogni volta che voglio fare un giro in centro, Simone mi ha sempre sostenuto sia mentalmente che fisicamente, ma quando lui non c’è devo chiamare un taxi che mi accompagni. Proprio per questo ho voluto invitare i candidati a sindaco perché io voglio, anzi pretendo, che chi siede su quella poltrona abbia a cuore il bene di tutti i cittadini. Inoltre colgo l’occasione per dire a chi non è intervenuto, senza fare nessun tipo di polemica, che mi aspettavo da alcune forze politiche che storicamente hanno sempre affermato che il sociale sia una priorità, una maggiore presenza che purtroppo non c’è stata, io non voglio essere un numero, una persona in più o in meno che vota, io chiedo solo una semplice cosa, essere considerato un cittadino come un altro, oggi purtroppo non lo sono. Qualcuno mi ha detto che voglio far leva sulla senso di colpa, bè invito chiunque voglia provare a mettersi seduto su una carrozzina e venire con me una mezza mattinata per poi tirare le somme, questa è solamente la realtà dei fatti.”

Non possiamo che condividere un pensiero di chi ha avuto troppo poco dalla vita e che magari meriterebbe qualcosa in più, in fin dei conti dal tutto il mondo vengono per ammirare il Colosseo e vedere la grandezza passata di Roma, ma c’è chi invece abitando a pochi passi non può vederlo.

(Visited 2 times, 1 visits today)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*