Roma – Sgarbi: “Giachetti, Meloni e Bertolaso mi hanno chiesto una mano ma per Roma servirebbe Padre Pio”

Vittorio Sgarbi è intervenuto questa mattina su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it) , nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Sgarbi ha commentato la situazione politica romana: “Meloni, Bertolaso e Giachetti mi hanno chiesto se farei qualcosa per loro. Ma in realtà c’è poco da fare. Con un bilancio come quello di Roma, puoi avere qualche colpo di ingegno, ma non puoi fare più di tanto. Servirebbe Padre Pio. Può fare più un morto che un vivo”.

A Sgarbi, poi, è stato chiesto cosa pensa dei matrimoni nei musei: “I matrimoni nei musei? I matrimoni sono feste divertenti per occasioni criminali. Uno fa una cerimonia, butta via un sacco di soldi e poi si ritrova anche una moglie o un marito. Comunque, ai matrimoni nei musei non vedo nulla di male, anzi. I musei sono fatti per ospitare anche momenti ludici e festosi. Se uno pensa a una festa, la pensa in un castello o in un palazzo. Un museo è molto spesso un palazzo storico in cui le collezioni sono state esposte al pubblico per ragioni di conoscenza, quindi mi pare assolutamente logico poter ospitare i matrimoni nei musei. Non si farebbe altro che restituire quei luoghi alla loro vocazione originale”.

Sgarbi, poi, ha difeso Renzi sul caso Guidi: “Il caso Guidi? Renzi ha avuto molto orgoglio nel dire che il responsabile di quell’emendamento è stato lui, quindi molto probabilmente non deve nascondere niente. I governi oggi sono esposti alla discrezione dei magistrati, anche per cose non penalmente rilevanti. Conosco da tanti anni il padre della ministra Guidi, il padre è una persona perbene. Renzi prendendosi in prima persona la responsabilità dell’emendamento fa capire che probabilmente non è stato fatto nulla di male. Quell’emendamento potrebbe anche essere necessario per quanto concerne il tema dell’energia, altrimenti non capirei perché potendo lasciare questo casino solo alla Guidi, Renzi ha voluto prendersi la propria responsabilità in prima persona. Ho troppi pochi elementi, poi, per giudicare complessivamente. Non mi appassionano nè Renzi né la Guidi”.

Sgarbi, poi, ha commentato il caso Sollecito, che farà l’opinionista in tv: “Commenterà per Mediaset casi di cronaca nera? E’ un innocente, non è che deve stare tutta la sua vita senza fare niente solo perché per un attimo è stato accusato di aver commesso un omicidio. Non capisco quelli che si indignano. Sollecito è libero, quindi non è colpevole. Si dovevano indignare se gli avessero fatto un contratto dal carcere. Di cosa è colpevole Sollecito? E’ stato assolto con sentenza definitiva”.

Poi sul trono gay di Maria De Filuippi: “E’ una cosa molto divertente che sicuramente avrà successo, poi non so se sia giusto o meno portarlo in tv. E’ sicuramente una cosa discutibile. Ormai io sono eterosessuale, quindi sono un diverso. Comunque portare le coppie gay in tv significa toglierle dalla clandestinità, e questo rispetta una situazione giuridica in cui le unioni civili sono pari al matrimonio, quindi a questo punto l’amore gay è una delle opzioni possibili in cui si specchia il destino degli uomini”.

Fonte: Radio Cusano Campus

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*