Calcio – Serie A, le dichiarazioni dei protagonisti rossoneri nel post partita

during the Serie A match between FC Internazionale Milano and AC Milan at Stadio Giuseppe Meazza on September 13, 2015 in Milan, Italy.

MISTER SINISA MIHAJLOVIC
“Prima di tutto, vorrei fare le condoglianze per Cesare Maldini. E’ stato un grande uomo. Vorrei fare le condoglianze a tutta la famiglia Maldini. Sono inaccetabili due punti in 4 partite. Da stasera staremo in ritiro. Almeno fino a sabato e se non servirà anche fino a fine stagione. E’ l’ultima cosa rimasta. Avevo avvertito la squadra che dovevamo affrontare questa gara in maniera diversa. Se dopo 31 partite si parla sempre delle stesse cose, vuol dire che sono i nostri limiti. Vuol dire che allenamento e buona volontà non basta.
Oggi siamo mancati in cattiveria, concentrazione e personalità. Non voglio cercare alibi ai miei giocatori. Abbiamo perso una partita dove dovevamo fare meglio. Quando si perde si dice sempre che ci è mancato qualcosa. Mi prendo la colpa per questo, perchè sono l’allenatore. Sto cercando in tutti i modi di fare le cose. Mi prendo le mie responsabilità e non sono mai scappato da questo. Mancano poche partite cerchiamo di arrivare meglio in classifica e vincere la Coppa Italia. Se non invertiamo la marcia, non riusciremo a vincere nessuna partita da qui a fine stagione”

MISTER MIHAJLOVIC (CONFERENZA STAMPA)
“Vorrei fare le condoglianze alla famiglia Maldini. E’ stato soprattutto un grande uomo, prima ancora che grande giocatori. Come ho detto. 2 punti in 4 partite sono inaccettabili. Chiedo scusa ai tifosi e mi prendo le responsabilità. Si starà in ritiro fino a che le cose non miglioreranno. Avevo avvertito la squadra che le cose dovevano andare in maniera diverso. Se oggi dopo 31 partite si dice sempre lo stesso, vuol dire che ci sono limiti che anche allenando. Dobbiamo guardarci dietro e sabato abbiamo la Juve, ma non esiste nulla di scontato nel calcio. Dobbiamo andare in campo come si deve. Ho chiesto di fare bene il lavoro che fanno. In ritiro si va per chiarire le idee e per arrivare a soluzioni.
Noi tutte le gare che abbiamo pareggiato, ai punti avremmo meritato di vincere, esclusa l’andata con l’Atalanta. Se dopo 31 partite dico sempre le stesse cose, vuol dire che ci sono difetti. Ci sono certe cose che con allenamento e buona volontà, evidentemente, non si riesce a migliorare.
Vediamo i dati, poi parlo del livello fisico della squadra. Fino ad oggi non è mai stato un problema fisico. L’Atalanta hanno preparato meglio la gara, ma noi abbiamo tanti nazionali, vuol dire che allora questi giocatori sono di livello. Ma se non si lotta, non si vince. Siamo mancati in cattiveria e determinazione.   

La partita parla chiaro, inutile dire le stesse cose. Noi siamo stato fortunati di andare in vantaggio e dovevamo accellerare e chiudere la partita. Non ci siamo riusciti e non è la prima volta. Se parliamo sempre delle stesse mancanze, vuol dire che non riusciamo a migliorare nemmeno con l’allenamento e buona volontà. Locatelli è un buon giocatore e arriva dalla Primavera. Non è ancora pronto per i ritmi e l’intensità della Prima Squadra. Con intelligenza e tecnica ci può stare. Vediamo da qui alla fine come andrà.
Noi abbiamo il dovere, siamo il Milan, di cercare di recuperare squadre davanti. Abbiamo l’obbligo di non farci prendere da quelle che ci inseguono. Dobbiamo dimostrare tutti di essere da Milan. A fine stagione poi si faranno i conti. Finchè sarò qua cercherò di tirare fuori il meglio da questa squadra e da me stesso.
Sicuramente la Juventus è molto più forte di noi, ma non significa che non possiamo batterli. Anzi. Per sei giorni staremo assieme e prepareremo al meglio la gara. Poi vedremo cosa succederà. Saremo in ritiro almeno fino a sabato. L’atteggiamento non deve mai mancare, ma dopo partite come questo è l’ultima cosa che mi è rimasta da fare.
Abbiamo messo De Sciglio a centrocampo è l’unico che ricopre quel ruolo, con differenze, anche in Nazionale. Anche Poli potrebbe farlo, ma scelto De Sciglio. E’ un problema questa. Quando mancherà, speriamo di no, Bonaventura, dovremo avanzare Antonelli.
Kucka ed Honda penso che saranno recuperabili per la Juventus”

ADRIANO GALLIANI
“Ho un ricordo indelebile di Cesare Maldini. Ricordo quando andai a Chiasso con amici a vedere la finale del 1963 Milan-Benfica. Sono stato fortunato a vederlo alzare la prima Coppa dei Campioni della storia del calcio italiano. La sua è una storia leggendaria, all’interno di una famiglia leggendaria. Stamattino ho mandato a Paolo (Maldini ndr) un sms e lui mi ha risposto quanto Cesare Maldini era Rossonero. Io gli ho risposto che “Papà non era rossonero, era il Milan”. Cesare è la storia del Milan. E’ la storia della Nazionale italia, con l’Under 21 ha vinto tre campionati europei. Ha fatto il vice di Bearzot. E’ stato l’allenatore del Milan. Personalmente mi ricordo al momento dell’esonero di Zaccheroni, quando arrivati a Milanello con Cesare e terminò la stagione 2000/2001. Ricorderò sempre il derby 0-6 con Cesare in panchina. E’ la leggenda del nostro calcio. Andavo spesso a mangiare all’Assassino e per 20-30 anni ha sempre pranzato lì. Ho avuto modo di parlare tanto calcio con lui. E’ stato un campione che ha trasmesso calcio geneticamente al figlio, che è il giocatore leggendario che tutti sappiamo. Papà e figlio che alzano la Coppa dei Campioni da capitani sono qualcosa di meraviglioso e di indelebile. Resterà per sempre nei nostri cuori”

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9903 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*