Trullo – Fermato per un controllo, in auto bombe carta e un arma

E’ successo nel tardo pomeriggio di ieri nella zona del Trullo. Nell’ambito dei servizi di controllo del territorio effettuati dalla Polizia di Stato e finalizzati alla prevenzione dei reati nelle periferie, gli agenti del Reparto Volanti hanno fermato un’autovettura guidata da G.M., subito apparso teso agli operatori.

Da accertamenti effettuati tramite la sala operativa della Questura, il giovane è risultato avere dei precedenti e, guardando all’interno della macchina, i poliziotti hanno trovato, nel portaoggetti della portiera lato guida, un artifizio pirotecnico vietato ed un coltello a serramanico.

Gli agenti si sono quindi portati, insieme al 34enne, nella casa in cui lo stesso ha dichiarato di abitare con i genitori ma si sono resi conto, durante la perquisizione della sua stanza, che lui non poteva effettivamente risiedere lì data la scarsità dei suoi effetti personali.

Il giovane ha poi detto di essere effettivamente proprietario di un appartamento lì vicino ma anche questo è risultato non essere da lui abitato in quanto in fase di ristrutturazione.

I poliziotti a questo punto hanno deciso di provare ad aprire, con le chiavi dell’uomo, le abitazioni vicine con  ingresso sulla strada riuscendo finalmente ad individuare la reale dimora di G.M.

All’interno della casa gli operatori di polizia hanno trovato circa 1 chilo di marijuana, mezzo chilo di cocaina e poco più di 2 chili di hascish, oltre a 3 bombe carta e 30 artifizi pirotecnici denominati “Diabolik”.

Nella stanza da letto infine, occultata in una cassettiera dell’armadio, gli agenti hanno scovato una pistola con il numero di matricola abraso e quindi palesemente clandestina.

Il 34enne è pertanto finito in manette per possesso di sostanza stupefacente e detenzione di arma clandestina.

Informazioni su Emanuele Bompadre 10690 Articoli

Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l’enduro, l’importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*