Genzano – Intitolato il parco a Giulio Amati: “Rappresenta la storia del nostro paese”

 

Da ieri il parco pubblico di viale Lenin è intitolato a Giulio Amati, cittadino genzanese di religione ebraica, morto nel campo di lavoro di Landsberg nel 1945. Durante una cerimonia molto partecipata dai cittadini, dalle scuole, dalle autorità e dalla famiglia di Giulio Amati, sono stati ribaditi i valori che da sempre contraddistinguono la città di Genzano: la libertà e la sua difesa davanti a tutto.

Presenti alla cerimonia le tre figlie, Enrica, Dora e Ornella con i figli e i nipoti che hanno fortemente voluto l’intitolazione del parco perché legate a Genzano da sempre. Giulio Amati, con la moglie e le tre figlie, aveva un negozio di abbigliamento sul corso di Genzano. Torturato a via Tasso, sotto gli occhi di una delle figlie, viene prima deportato ad Auschwitz, poi a Buchenwald e infine a Landsberg dove è morto.

Oltre al sindaco e a esponenti dell’amministrazione comunale, hanno partecipato il rav. Josef Harbib, la presidente della Comunità ebraica di Roma, Ruth Dureghello, Alessia Salmoni, nipote di Giulio Amati e presidente del consiglio municipale di Roma XII, Claudio Procaccia del centro di cultura ebraica di Roma. Ha portato il ricordo personale, leggendo i diari di famiglia, anche Sandro Giannini, presidente del Consiglio comunale di Genzano. Molte le classi presenti, delle scuole di Genzano Garibaldi, De Amicis, Landi, Pertini e Vailati.

Il sindaco di Genzano, Flavio Gabbarini, ha ricordato la figura di Giulio Amati nel contesto della città, sottolineando l’apertura della nostra comunità all’altro: “Dobbiamo sempre tenere presente la nostra storia, quella della città da dove veniamo, perché dalle tante piccole storie si  è fatta la storia del Paese. Per noi è importante inaugurare un parco intitolato a Giulio Amati perché rappresenta una parte della nostra storia, che è una storia di resistenza al nazifascismo, di un sacrificio fatto da uomini che hanno perso la vita alle Fosse Ardeatine e sotto i bombardamenti”.

“Ringrazio il sindaco per questa intitolazione, molto importante per la mia comunità – ha detto la presidente della Comunità ebraica di Roma, Ruth Dureghello -. Giulio Amati era una persona normale, il motivo della sua storia è che è stato tradito da chi considerava amico. Questa è la storia di tanti ebrei”. Rivolta poi ai tanti ragazzi presenti, ha ribadito come sia importante ricordarsi che la libertà di ognuno deve essere la libertà dell’altro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*