Caso Quarto, Nuti, M5S: “Se tutti i partiti si comportassero come il M5S, la mafia sarebbe già stata sconfitta”

Riccardo Nuti, deputato del Movimento 5 Stelle, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it), in merito al caso infiltrazioni camorristiche nel Comune di Quarto.

Rosa Capuozzo parla di un M5S che si tira indietro nella lotta alla mafia. “Se tutti i soggetti politici si tirassero indietro come lei dice che fa il M5S, la mafia sarebbe già stata sconfitta –ha affermato Nuti-. Nessuno può dirci che non combattiamo la mafia. La mafia ha cercato di infiltrarsi nel M5S e ha ricevuto zero. Tutte le intercettazioni dimostrano l’assoluta buona fede e l’assoluta lotta del M5S alla criminalità organizzata. Questo tentativo dei partiti di farci apparire come loro è ridicola”.

Capuozzo dice di aver informato Fico delle pressioni subite dal consigliere De Robbio. “Lei –ha dichiarato Nuti- vuole far credere che ci ha riferito le minacce da lei ricevute, invece ci ha riferito di un comportamento sbagliato di un consigliere che voleva mettere bocca sullo stadio e voleva fare le nomine. E noi infatti lo abbiamo buttato fuori prima che fosse indagato. Noi vogliamo che pubblichino tutte le intercettazioni, così sarà evidente che non eravamo assolutamente a conoscenza di minacce. Noi abbiamo buttato fuori il consigliere prima che fosse indagato perché aveva atteggiamenti non consoni. Poi è emerso dalle intercettazioni che la camorra si stava infiltrando e abbiamo chiesto al sindaco di dimettersi. Lei non si è dimessa. Poi sono uscite intercettazioni in cui lei parlava di minacce con alcuni suoi consiglieri. Lei non ha denunciato queste minacce e quindi ha commesso un reato. Per questo l’abbiamo espulsa. Mi sembra un comportamento logico e lineare. Se poi vogliono dire che dobbiamo tenerci i voti della camorra e dobbiamo conservare una poltrona a discapito della faccia non siamo d’accordo. Perché per noi la legalità viene prima di tutto. De Robbio era un ufficiale della capitaneria di porto pluripremiato. Non abbiamo candidato il primo che passava per strada. Detto ciò, è chiaro che dobbiamo cercare sempre di migliorare, ma non esiste un sistema che possa portare a zero infiltrati. Si può cercare di mettere tanti controlli, ma i veri elementi per buttare fuori questi soggetti è che quando si manifestano certe situazioni bisogna buttarli fuori”.

Fonte: Radio Cusano Campus

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*