Regione Lazio – Passi avanti verso un sistema di gestione sostenibile del Teveree del Bacino

Dall’inizio del 2016 si intensificano le attività permanenti del Consorzio Tiberina, oltre agli abituali incontri pubblici (a loro volta inquadrati in un “ciclo” di partecipazione, e non come “occasioni spot”, verso un progressivo affinamento degli strumenti).

Assemblea di Fiume: l’adesione al Consorzio Tiberina di CROMA – Centro per lo Studio di Roma dell’Università degli Studi “Roma Tre” (http://croma.uniroma3.it/), fra l’altro impegnato da anni nel coordinare studi internazionali sul Tevere, anche in gran parte disponibili in rete (http://romatevere.hypotheses.org/).

Cabina di Regia – Osservatorio Istituzionale: dopo il Segretario Generale dell’Autorità di bacino del fiume Tevere, Giorgio Cesari, anche Fabrizio Ratto Vaquer, Comandante della Capitaneria di Porto di Roma e Capo del Compartimento Marittimo di Roma, è stato coinvolto nell’Organo del Consorzio, partecipando già ai primi incontri e lavori.

Segreteria Tecnica/Scientifica e Tavoli di Lavoro: stanti le numerose adesioni ancora in corso, saranno varati nelle prossime settimane, ma già vengono delineati i principali temi da approfondire.

Attività di studio e progetti: stage remunerati in corso e in avvio con le risorse del Consorzio – rilancio di un innovativo progetto su sponde e biomasse, coinvolgendo anche persone in situazioni svantaggiate, tramite manutenzione e realizzazione di piccoli servizi e infrastrutture leggere, economicamente autosostenentisi a regime – incremento delle Concessioni – rivitalizzazione di quelle esistenti, a volte a rischio di revoca – affidamento in custodia gratuita e volontaria di compendi fluviali (“adozione di sponde”) – geotermia in edifici spondali – progetto <<Tevere 1870-2020>> in vista dei 150 anni dell’unificazione dello Stato Pontificio all’Italia e di Roma Capitale (peraltro già da anni impostato sul portale del Consorzio) – partecipazione attraverso incontri informali e on-line.

Bandi nazionali e internazionali: fra le altre cose, grazie al rapporto già esistente con il CNR – Consiglio Nazionale delle Ricerche, il Consorzio è stato scelto per divenire partner del CNR stesso, di APRE – Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea e di ISPRA –  Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale quale soggetto territoriale innovativo per la partecipazione a Bando Horizon 2020 (con associazione temporanea di circa 15 Soggetti non solo europei) dal tema << Multi-stakeholder dialogue platform to promote innovation with nature to address societal challenges>>, incarnando una coalizione idonea a rappresentare esigenze eterogenee, coinvolgendo i cittadini e le parti interessate.

Interventi in sub-bacini della regione Tiberina e fuori Bacino: pervengono richieste di supporto da Soggetti (Consorziati e non) ricadenti in aree connesse a Media Valle del Tevere, Paglia, Turano, Velino – è in avvio un rapporto istituzionale con Comuni della Valle del Sacco, che intendono mutuare l’esperienza svolta nella regione Tiberina.

Documentazione: in allegato

– una primissima bozza di “Manifesto per il Tevere” (riferibile in realtà alla regione Tiberina, pur con un focus particolare su Roma), con già evidenziate alcune parti da sviluppare nei Tavoli di Lavoro, aperta a contributi (attesi) di Consorziati e non, inviabili liberamente,

– un documento propositivo verso una (più volte auspicata) Conferenza Permanente di Servizi per il contesto interessato dal PS5 dell’Autorità di bacino del fiume Tevere, da Castel Giubileo alla Foce.

Il primo documento comprende un estratto di “River Cities”, lo studio presentato all’Isola Tiberina il 4 dicembre scorso. Il secondo sarà integrato nei prossimi giorni anche con lo schema concettuale di massima di un “progetto bandiera” riferibile all’area di Roma Centro.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*