Roma – Al via il IV Bra Day, giornata della consapevolezza sulla ricostruzione mammaria

Oggi, 21 Ottobre 2015, la Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli sarà in prima linea nella celebrazione del IV BRA-Daygiornata internazionale della “Consapevolezza sulla Ricostruzione Mammaria”, denominata dall’acronimo inglese “Breast Reconstruction Awareness”.

A partire dalle ore 18.00 la hall dell’ospedale ospiterà un grande evento di sensibilizzazione sul tema, presentato dalla giornalista Annalisa Manduca, promosso dalla Beautiful After Breast Cancer Italia onlus, presieduta dalla Prof.ssa Marzia Salgarello, Responsabile dell’Unità Operativa di Chirurgia Plastica del Gemelli, in collaborazione con le associazioni Susan G. Komen Italia e Iris Roma e patrocinato dalla Fondazione Policlinico Gemelli e S.I.C.P.R.E. (Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica) .

Il nutrito programma dell’evento, dopo i saluti dell’Ing. Enrico Zampedri, Direttore Generale Fondazione Policlinico A. Gemelli, prevede la proiezione del cortometraggio sul tumore al senoSegni, firmato dalla giovane regista Agnese Rizzello.  Il docufilm è nato dalla voglia di raccontare delle storie di dolore nella fase di “rinascita”. Protagoniste del delicato ed emozionante racconto sono tre donne (Arianna Stabile, Donatella Gimigliano e Monica Periccioli), e una narratrice, Rita Dalla Chiesa, che raccoglie la loro testimonianza su come hanno affrontato la violenza psicofisica del tumore al seno, il tutto con le incursioni e la colonna sonora del brano di FiordalisoIl Sole dentro” tratto dal suo nuovo album Frikandò. Al termine della proiezione interverrà il Prof. Rocco Bellantone, Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. A seguire il Prof. Giovanni Scambia, Direttore Dipartimento per la Tutela della Salute della Donna, della Vita Nascente e dell’Adolescente del Policlinico A. Gemelli e fondatore Iris Roma, il Prof. Riccardo Masetti, Direttore del Centro Integrato di Senologia del Policlinico A. Gemelli e Presidente Susan Komen Italia, e la Prof.ssa Salgarello, presenteranno al “Wellbeing card – carta del benessere”, progetto pensato dalle tre associazioni promotrici dell’evento a sostegno della ripresa psicofisica delle pazienti oncologiche. Dopo un messaggio di Don Angelo Auletta, assistente spirituale del Gemelli, chiuderà la serata una divertente sfilata “in rosa”.

Nonostante la ricerca scientifica e la diagnosi precoce restano tantissime le donne che devono subire  una asportazione totale della mammella. Tra queste solo il 20-25% prendono in considerazione la possibilità di sottoporsi a una ricostruzione mammaria. Numerosi studi effettuati hanno invece evidenziato come, per quanto l’intervento ricostruttivo non sia strettamente indispensabile per la cura della malattia, migliori sensibilmente la qualità di vita della paziente che vi si sottopone. L’obiettivo del Bra-Day, è l’informazione tra gli operatori sanitari, i media e soprattutto alle donne tutte che la ricostruzione della mammella non solo è fattibile nella maggior parte dei casi, ma è essa stessa parte della cura della neoplasia della mammella.

Punto di partenza della Fondazione Beautiful After Breast Cancer è aiutare ogni paziente a realizzare il desiderio di una vita piena e felice con una recuperata immagine corporea. La onlus nasce con l’obiettivo di fornire informazioni, ma anche di trasmettere al personale medico e ai chirurghi l’importanza della ricostruzione mammaria e del benessere dopo una diagnosi di cancro, e di promuovere la ricerca scientifica e la formazione per migliorare le tecniche ricostruttive disponibili.

Attraverso la continua collaborazione di pazienti e professionisti sanitari, offriamo informazioni corrette ed aggiornate attraverso il nostro sito internet internazionale e italiano: www.braday.comwww.beautifulabc.com –  www.beautifulabc.it.

 

Informazioni su Emanuele Bompadre 10685 Articoli

Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l’enduro, l’importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*