Trenitalia Lazio, potenziata l’attività di manutenzione dei treni regionali

  • assunti 21 nuovi tecnici a Roma Smistamento
  • primi risultati del piano di revisione dei processi industriali di Trenitalia Lazio: puntualità + 5,3% vs 2014, cancellazioni – 0,4% 

 

Prosegue il processo di riorganizzazione e potenziamento del trasporto regionale di Trenitalia: da oggi l’impianto manutentivo di Roma Smistamento si arricchisce di 21 nuovi manutentori.

L’organico più ricco consentirà di incrementare le attività manutentive nelle fasce orarie e nelle giornate di minore mobilità pendolare. Questo recherà vantaggi alla regolarità, efficienza e puntualità dei treni regionali del Lazio, a beneficio dei suoi pendolari.

L’assunzione di giovani tecnici, infatti, oltre a rientrare in un programma di fisiologico turnover professionale, che l’azienda conduce con l’obiettivo di curare sempre meglio il proprio core-business, è parte integrante di un ampio programma di revisione dei processi industriali finalizzato a migliorare affidabilità e qualità del servizio regionale.

Il programma sta iniziando a produrre concreti risultati anche nel Lazio: la puntualità reale, percepita dal viaggiatore, senza quindi escludere quei treni giunti in ritardo per cause non imputabili alle società di FS Italiane, si attesta oggi all’87,2%, con un miglioramento rispetto al 2014 di 5,3 punti percentuali. Diminuiscono anche le cancellazioni, oggi il 2,4%, uno 0,4 in meno rispetto allo scorso anno. Sale, infine, il gradimento dei clienti, con un giudizio positivo sul viaggio nel suo complesso espresso dal 65,4% dei viaggiatori interpellati con sondaggi trimestrali condotti da primarie società demoscopiche.

Informazioni su Emanuele Bompadre 10706 Articoli

Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l’enduro, l’importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*