Di Maio: “Tutti si chiedono se siamo usciti dalla crisi. Io invece mi chiedo se lo Stato abbia imparato la lezione”

Lo Stato Italiano doveva essere lo scudo dei cittadini nei periodi di crisi e invece è diventato la spada che li trafigge alle spalle.
Tutti si chiedono se siamo usciti dalla crisi. Io invece mi chiedo se lo Stato abbia imparato la lezione.

Ieri al meeting di Confesercenti-Nazionale ho raccontato il nostro programma per creare uno “Stato amico”.
Quello che hanno subito le imprese italiane negli ultimi anni non deve più ripetersi.

Durante la crisi post 2008 è aumentata l’attività illegale, in particolare la CONTRAFFAZIONE, che ruba 12 miliardi di euro allo Stato. Le banche hanno chiuso i rubinetti del CREDITO ad imprese e famiglie. Gli STUDI DI SETTORE, che erano già inverosimili, sono diventati insostenibili. Il Governo ha avviato liberalizzazioni selvagge, come quello degli ORARI DI APERTURA E CHIUSURA degli esercizi commerciali, mettendo il piccolo commerciante in competizione con i centri commerciali. Lo Stato ha aumentato le TASSE, quelle locali anche del 150%, l’Iva, gli addizionali comunali e regionali. EQUITALIA ha aggredito militarmente tutte le imprese, causandone la chiusura. La LEGGE FORNERO ha riversato un milione di persone in più nel mercato del lavoro, causando l’esclusione di 2 milioni di giovani dal mondo del lavoro.

Dal 2008 ad oggi cosa è cambiato? Se veramente fossimo usciti dalla crisi, oggi non dovremmo più avere Equitalia, la Legge Fornerno dovrebbe essere un triste ricordo.
Se veramente vogliamo svoltare, c’è bisogno di un piano per creare uno “Stato amico” che metta al centro delle politiche pubbliche la persona, non più gli affari.

DOMANI MATTINA possiamo fare un paio di cose a costo zero: il reato di contraffazione deve tornare ad essere PENALE, non può essere una sanzione amministrativa, perchè con la legge vigente la multa vale meno del business e quindi conviene.
Possiamo subito approvare la LEGGE “DELL’ORCO” SUGLI ORARI DI CHIUSURA degli esercizi commerciali. Gli esercenti non hanno guadagnato nulla in più, hanno solo spalmato gli introiti su più giorni di lavoro sacrificando la famiglia. Quella delle liberalizzazioni è un falso mito.

SUL MEDIO TERMINE dobbiamo iniziare gradualmente ad abolire gli studi di settore potenziando i controlli, dobbiamo SOPPRIMERE Equitalia, consegnando la riscossione ai comuni o all’agenzia delle entrare: smettiamola di fare profitti sulla riscossione. Dobbiamo ridurre il costo della TASSA SULLA NETTEZZA URBANA accorpando le tante partecipate – circa 6000 – portandole a massimo 200.
Lanciare una BANCA PUBBLICA che aiuti le famiglie ad accendere mutui e gli imprenditori ad accedere ai prestiti.

Come misure strutturali bisogna approvare un REDDITO DI CITTADINANZA per rilanciare i consumi, cancellare la LEGGE FORNERO per rilanciare l’occupazione giovanile e creare lo SPORTELLO UNICO DELLE IMPRESE dove potrà rivolgersi qualsiasi persona voglia aprire un’attività; mai più dieci enti diversi per l’avviamento di un’azienda.

E’ la nostra idea di Stato. E’ un progetto ambizioso, ma crediamo che il Movimento 5 Stelle possa realizzarlo.
Tutti ci dicevano che fosse impossibile dimezzare lo stipendio dei politici. Poi siamo arrivati noi e lo abbiamo fatto. Con quei soldi facciamo partire nuove imprese in Italia che creano lavoro di qualità. Ad Agosto ne sono nate circa 200.
Forza!
Così sulla sua pagina Facebook

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9870 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*