Ardea – Di Fiori: “Abbiamo tolto da sotto il tappeto i debiti di tutte le amministrazioni”

“Con un percorso virtuoso stiamo evitando ai cittadini il dissesto finanziario e lo stiamo dimostrando ripianando i conti. Già nel rendiconto, avevamo cercato di far notare il risparmio che l’amministrazione aveva avuto nella gestione 2014. Con il bilancio armonizzato lo Stato ci ha permesso altresì di spalmare, e quindi diminuire, come richiesto dalla Corte dei Corti, il peso dei residui passivi, snellendo così il nostro bilancio. Le economie che abbiamo prodotto, molte, verranno usate per pagare gran parte dei debiti che provengono da tutte le gestioni passate.Ciò che faremo da qui al 30 novembre sarà di andare a pagare quei debiti certi, liquidi ed esigibili che tutti hanno messo sotto al tappeto”. Lo ha detto il sindaco di Ardea Luca Di Fiori durante i lavori del Consiglio comunale di ieri sera. “A causa del fondo di solidarietà dello Stato il nostro bilancio fa fatica, tanto che siamo costretti a dare al governo centrale 7 milioni e 900 mila euro – ha aggiunto – Nonostante questo, nel nostro bilancio abbiamo trovato fondi per i servizi sociali e per la manutenzione stradale. Ora siamo riusciti a chiudere il preventivo 2015. Non abbiamo voluto mandare un Comune in dissesto, perché sarebbe stato un colpo grande all’economia reale del territorio. Tutti i Comuni sono in difficoltà. Ora la commissione urbanistica dovrà farsi carico di discutere nuovi piani, anche per il rilancio turistico, con l’obiettivo di creare un gettito maggiore nelle casse comunali e ridurre da qui all’anno prossimo le tasse attuali”.

Informazioni su Ruggero Terlizzi 3260 Articoli

Ruggero Terlizzi è il classico nerd, tecnologia, fumetti, videogames, serie tv e tutto quello che è classificabile nella categoria. È un ottimo disegnatore e ha sempre a portata di mano un taccuino dove fare qualche schizzo. Appassionato anche di auto ha tenuto la rubrica motori su Il Tabloid Motori e da settembre gestisce la rubrica Tech su Il Tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*