Ostia – Ospedale Grassi, condizioni lavorative inumane nel reparto maternità

Ospedale Grassi ostia

Secondo alcune note RSU dell’ASL RM/D il blocco parto dell’ospedale Grassi di Ostia è a forte rischio a causa della carenza di personale e dei conseguenti orari di lavori sempre più lunghi per coprire il reparto e per garantire la continuità operativa.

In queste ore il Coordinamento RSU Asl Rm/D ha chiesto un incontro urgente ai dirigenti per mettere alla luce la problematica per evitare che a rimetterci non solo ci siano le lavoratrici ma anche gli utenti dell’ospedale stesso.

[su_quote]

La scrivente RSU, con la presente, chiede un incontro urgente al fine di poter discutere in merito alla difficile situazione che si sta vivendo all’interno del Reparto di Ostetricia e Ginecologia – Blocco Parto, a causa della carenza del personale Ostetrico. Risulterebbe, infatti, che, attualmente, anche a seguito della scadenza del contratto (ottobre 2014) di quattro ostetriche assunte a regime di prestazione (partita IVA), di altre due unità, per le quali è cessato sempre il rapporto di lavoro ( gennaio/febbraio 2015), oltre una unità andata in quiescenza (gennaio 2013) e un’altra in maternità (marzo 2015) e una in lunga assenza, la presenza del personale Ostetrico, all’interno dell’Unità Operativa Semplice del Blocco Parto, sia composto da un numero di sole 17 unità, di cui 2 Ostetriche in h12. Tale situazione, che vede, peraltro. la copertura dei turni di lavoro assicurata, contrariamente a quanto prevedono le normative contrattuali e di legge, attraverso l’utilizzo dello straordinario, oltre a sottoporre le stesse lavoratrici a condizioni, turni e ritmi di lavoro inumani, a rischio della loro stessa salute, determina oggettive  condizioni d’insicurezza per le stesse cittadine/utenti che si recano presso il Servizio. Si pone, pertanto, l’urgenza di ridefinire e rimodulare l’insieme delle attività all’interno del Reparto di Ostetricia e Ginecologia – Blocco Parto in relazione alle Risorse Umane e Professionali attualmente esistenti, onde assicurare diritti, tutele e la sicurezza delle operatrici e delle stesse utenti. Scrivente, RSU chiede, a tal fine, un incontro urgente per affrontare tali problematiche e criticità.

[/su_quote]

 

Il Coordinamento RSU Asl Rm/D

Calì – S. Costa – G. Del Prete – C. Morra –  F. Ruggeri – S. Salvio –  Antonio Vitarelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*