Magliana – Abbandona tir carico di rame rubato, arrestato

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto un cittadino albanese di 26 anni, nella Capitale senza fissa dimora, irregolare sul territorio dello Stato e con precedenti, con le accuse di ricettazione e riciclaggio.

Il giovane stava viaggiando a bordo di un autocarro – con targa albanese – lungo via della Magliana quando, notata in lontananza una pattuglia di Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma impegnata in un posto di controllo, ha bruscamente fermato la marcia, abbandonando il mezzo in strada e tentando di far perdere le proprie tracce scappando nella folta vegetazione a lato della carreggiata. Nonostante ciò, i Carabinieri sono riusciti a bloccarlo e ad ammanettarlo.

Successivamente, i militari hanno scoperto il motivo di quella smodata reazione: nascosto nel cassone dell’autocarro c’era una grande matassa di rame del peso di 1.250 Kg risultata rubata lo scorso 23 marzo in una cabina elettrica dell’ACEA di via Laurentina.

Inoltre, i successivi accertamenti eseguiti nella banca dati delle forze dell’ordine hanno evidenziato che il mezzo pesante risultava immatricolato con targa italiana e che era stato rubato la settimana scorsa in zona Tor dé Cenci.

Il rame è stato interamente recuperato e restituito ad un incaricato della Società ACEA Distribuzione S.p.a. mentre l’autocarro è stato sequestrato ed affidato in custodia ad un deposito giudiziario in attesa della restituzione al legittimo proprietario.

Il ragazzo albanese è stato condotto presso il carcere di Regina Coeli dove rimarrà a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Informazioni su Samantha Lombardi 4893 Articoli

Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell’Arte del Mondo Antico e dell’Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l’Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell’Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*