Ostia – Bando AeC, ANFFAS querela il X Municipio

Atto per tutelare 110 bambini con disabilità, 45 operatori su 45 rifiutano il riassorbimento con i nuovi soggetti aggiudicatari

Di fronte alle procedure di assegnazione del servizio di Assistenza Educativa Scolastica, per tutelare i 110 bambini che da lunedì rischiano di ritrovarsi con nuovi operatori, un nuovo coordinamento e un nuovo percorso educativo ad anno scolastico in corso e per salvaguardare i 45 operatori AeC Anffas Ostia Onlus e la loro decisione di non essere riassorbiti dai nuovi enti aggiudicatari del servizio, l’associazione comunica di essersi trovata costretta a depositare ieri mattina una querela nei confronti dei Dirigenti dei Servizi Sociali del X Municipio.

La decisione di non attendere l’esito del Tar sull’assegnazione del Servizio AeC e di procedere alla firma della convenzione a ridosso della partenza del servizio prevista per il prossimo 23 marzo, rischia di penalizzare non solo 110 bambini con disabilità, ma l’intero X Municipio che, in caso di pronuncia contraria del Tar sulla regolarità del bando, potrebbe dover spendere centinaia di migliaia di euro di soldi pubblici a titolo di risarcimento.

A fronte di tutto questo Anffas Ostia Onlus intende tutelare anche tutti i 45 assistenti educativi scolastici e la loro decisione di non essere riassorbiti dai nuovi aggiudicatari del servizio, ipotesi prevista dal bando AeC, a causa dei dubbi sulle prospettive di assorbimento da parte dei soggetti aggiudicatari, imponendo all’associazione il divieto assoluto di divulgazione dei propri dati personali ad altri soggetti diversi ad Anffas Ostia.

Anffas Ostia Onlus si riserva inoltre di valutare eventuali azioni nei confronti di chi a oggi continua a dichiarare che sia l’associazione ad opporsi al riassorbimento dei 45 operatori. Chi oggi si espone a questo esercizio lo fa senza chiarire a quale titolo e attraverso quali fonti abbia ottenuto i dati del personale visto che gli operatori hanno imposto il divieto assoluto di divulgazione dei propri dati e non è ancora giunta la sottoscrizione delle nuove convenzioni.

Pur in presenza di innumerevoli atti del X Municipio ancora tutti da chiarire nelle sedi opportune e la ridda di voci che vedono poca chiarezza nella formazione del possibile nuovo gruppo di operatori che dovrebbe operare nel servizio, Anffas Ostia Onlus, nello spirito di collaborazione che l’ha sempre contraddistinta, ha presentato una nuova richiesta di proroga del servizio fino al 20 maggio, data della sentenza del Tar, o di revoca del Bando, allegando a questa una diffida per garantire la verifica delle dichiarazioni degli enti aggiudicatari sulla specificità degli operatori da impiegare e delle ore da erogare agli alunni.

L’associazione rimane comunque convinta delle motivazioni che l’hanno spinta a ricorrere al Tribunale Amministrativo del Lazio e alla Procura della Repubblica.

Continuiamo a non capire quali siano state le motivazioni che abbiano spinto il X Municipio a non rispettare la naturale scadenza del precedente bando (giugno 2015) e far decadere un servizio ad anno scolastico in corso per iniziare un nuovo percorso educativo con nuovi operatori e nuovi coordinatori da novembre 2014 salvo poi arrivare a queste restanti 7 settimane di scuola. Il tutto nella totale assenza di azioni della politica che ha sempre esaltato, anche pubblicamente e a mezzo stampa l’innovatività e giusta direzione dei percorsi di Anffas che sembra non operare per il solo, fondamentale, servizio di assistenza educativa e culturale.

Informazioni su Giovanni Soldato 3195 Articoli

Giovanni Soldato, specialista della fotografia…. secondo lui, ottima penna sia in ambito sportivo ma soprattutto nell’ambito dei motori. Nato a Barberino del Mugello appena ha tempo mette le due ruote in pista. Collaboratore de Il Tabloid cura la provincia di Latina, le notizie nazionali e dall’estero.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*