Roma – Incontro pubblico in Campidoglio, la USI chiama in raccolta i lavoratori

Il 19/3/2015, l’ appuntamento/concentramento dalle ore 15 in Piazza del Colosseo, costruito da Comitati, coordinamenti, OO.SS. conflittuali con coperture USI di ASSEMBLEE SINDACALI per dipendenti CANILI COMUNALI, FARMACAP, ZETEMA, LICENZIATI MULTISERVIZI per raggiungere poi Piazza del Campidoglio dove sono convocate ALTRE ASSEMBLEE USI PER LAVORATORI BIBLIOTECHE – UFFICI – DIPARTIMENTI – COMUNALI – RISORSE PER ROMA – COOP. SOCIALI. IN CAMPIDOGLIO orientativamente alle ore 17 SI SVOLGERA’ UN INCONTRO PUBBLICO CON COMITATI – ASSOCIAZIONI E CONSIGLIERI COMUNALI e forze politiche SUL BILANCIO 2015 e le DELIBERE PROPEDEUTICHE

[quote font=”0″ arrow=”yes”]

Sono mesi che leggiamo su alcuni organi di “informazione”, campagne denigratorie nei confronti di lavoratori e lavoratrici delle società ex municipalizzate, che ruotano intorno Roma Capitale.
I dipendenti dell’AMA, non fanno niente e la città è sporca…certo “per colpa loro”. A FARMACAP rubano…lo ha detto il Sindaco … ed è “colpa loro”, se l’Azienda ha i bilanci in passivo. L’Istituzione Biblioteche comunali in quanto tale…va sciolta…e una trentina di lavoratori Zètema ne pagheranno le conseguenze con una ricollocazione non ben definita e penalizzazioni salariali per i bibliotecari comunali. I servizi scolastici educativi sono “troppo costosi”; i lavoratori dei canili guadagnano, secondo la stampa, stipendi favolosi per un servizio pessimo. Se poi guardiamo cosa accadrà nel complesso dei servizi socio assistenziali, allora è meglio scappare da Roma.
E tutto questo perché? Per rispettare…anzi per anticipare l’applicazione del Salva Roma (il piano di rientro imposto dall’alto)?…cioè un rientro veloce di un debito che non abbiamo fatto noi romani, ma causato da una gestione confusa e troppo spesso, complice con gruppi criminali, mafiosi e clientelari… Considerando come lo hanno applicato nel caso dei 51 licenziati di Roma Multiservizi, ancora a spasso nonostante le “garanzie” del decreto Salva Roma, dimentichiamoci di essere “salvati”.
Da questi fatti, siamo consapevoli che sia ora di parlare seriamente (da lavoratori ad assessore) di quello che sta succedendo. Che per noi, è superfluo pensare di vendere una società come Assicurazioni di Roma, con 18 milioni di utile…Che non si può smantellare la FARMACAP che svolge un importante servizio nelle periferie di primo intervento socio sanitario-farmaceutico. Che non si possono “tagliare i fondi” a Biblioteche comunali e Canili. Che non si può svendere sottoprezzo, un patrimonio immobiliare che è di tutti noi e che l’amministrazione comunale non è mai stata capace di sfruttare. Meglio pensare a dismettere le quote minoritarie di quelle società la cui maggioranza non è di Roma Capitale… se proprio devono fare cassa con qualcosa!
E poi occorre richiedere al Governo di dare finalmente i soldi utili a ROMA CAPITALE.
Per fare sentire la voce dei lavoratori, lavoratrici e della cittadinanza colpita da scelte sbagliate e provvedimenti inopportuni, il 19 marzo l’USI invita tutti e tutte a partecipare alla mobilitazione cittadina, costruita insieme ad altre strutture di base, comitati ed associazioni.
Un momento di confronto tra noi, i comitati, i cittadini…una assemblea che parte, come già fatto il 10 febbraio, da lavoratori e lavoratrici, con una natura pubblica e popolare, aperta alla città, nell’attesa di un incontro con l’assessore Scozzese, che a questo punto diventa inevitabile, oltre che con le forze politiche, per chiedere di modificare la rotta e cambiare finalmente il passo del governo di Roma Capitale.

[/quote]

Riceviamo e pubblichiamo

Fonte fotografica: ilvelino.it

Informazioni su Giovanni Soldato 3195 Articoli

Giovanni Soldato, specialista della fotografia…. secondo lui, ottima penna sia in ambito sportivo ma soprattutto nell’ambito dei motori. Nato a Barberino del Mugello appena ha tempo mette le due ruote in pista. Collaboratore de Il Tabloid cura la provincia di Latina, le notizie nazionali e dall’estero.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*