Monterotondo – 116 progetti di coesione sociale, il comune al top nel Lazio

Dodici milioni e mezzo di euro, mediamente 314 euro per ogni monterotondese, per ben 116 progetti monitorati nel periodo 2007-2013. Sono i dati ufficiali dei finanziamenti, ricavati dal portale “open data” del governo, che evidenziano come Monterotondo sia tra i primissimi comuni del Lazio nella speciale graduatoria di quelli a più alta capacità di sviluppare progetti finanziati dalle politiche di coesione, sia con fondi strutturali europei, sia con fondi nazionali.

Nel novero dei progetti descritti figurano sia quelli promossi e attuati dall’amministrazione comunale, come ad esempio gli interventi previsti nel PLUS, sia quelli proposti dall’imprenditoria e dalla società civile locale. Molteplici sono i temi dei progetti (dalla ricerca e innovazione all’istruzione, dagli incentivi all’occupazione a quelli all’istruzione, dall’inclusione sociale al recupero di aree urbane) così come la loro natura: infrastrutture, acquisto di beni e servizi, incentivi alle imprese, energia. Tra essi anche la ristrutturazione della scuola Cardinal Piazza, finanziata direttamente, per 200mila euro, dal Comitato interministeriale per la programmazione economica.

E se a fare la parte del leone in termini economici assoluti sono proprio gli interventi del Plus, in particolar modo la realizzazione della Torre civica di quartiere (2.240.000,00 euro) e la riqualificazione degli spazi verdi (800mila euro), è interessante notare come nella varietà dei progetti finanziati figurino anche la creazione di nuove imprese, corsi di formazione in alcuni casi estremamente specialistici, programmi aziendali di innovazione tecnologica e/o scientifica.

«Questi dati – commenta il sindaco Mauro Alessandri –  attestano la vivacità e la capacità progettuale sia del nostro tessuto socio-imprenditoriale, sia della struttura politico-amministrativa comunale. In una fase in cui le centrali di finanziamento tradizionale, dallo stato alla regione, assottigliano sempre più drasticamente  i trasferimenti verso i comuni e i loro territori, i fondi per lo sviluppo e la coesione, in particolare quelli europei, diventano sempre più un fattore straordinariamente importante, vitale addirittura. Se oggi un’amministrazione comunale intende alzare il livello della progettualità territoriale, provvedere a scopi diversi dal normale esercizio delle proprie funzioni, incidere in maniera significativa ad esempio sotto il profilo del recupero di aree degradate o di fasce sociali a rischio di esclusione, non può prescindere dal lavoro finalizzato ad ottenere finanziamenti di questo tipo. Esattamente quello che stiamo facendo nel nostro comune, avvalendoci di professionalità sia interne, sia esterne, capaci di farci cogliere le possibilità offerte dai fondi strutturali e progettare interventi che, anche in chiave strategica, siano meritevoli dell’attenzione sovraterritoriale».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*