Roma – Multiservizi, tante promesse ma ancora niente posti di lavoro

Ancora una volta nulla di fatto! Tante le promesse per i 48 licenziati della Roma Multiservizi SpA, ma ancora nessun posto di lavoro. Dopo un’introduzione dell’assessore Estella Marino, riunita ieri in incontro con i licenziati della Multiservizi, il Presidente dell’AMA, dr. Fortini, ha dichiarato ai lavoratori presenti che il CdA  si sta impegnando per alcuni affidamenti alla Roma Multiservizi, utili anche all’assunzione dei 48 licenziati: senza nessun intervento assistenziale e/o clientelare come, purtroppo, accaduto in passato.

Il progetto industriale, su cui si stanno ri strutturando i rapporti tra AMA e Multiservizi, terrà conto delle funzioni aggiuntive, essenziali per questa città. Alle richieste dei licenziati (che, in passato si sono visti proporre contratti con clausole capestro) che non venisse aggiunta alcuna clausola transattiva rispetto ai ricorsi legali effettuati, il Presidente Ama e quello di Multiservizi hanno garantito che non ci saranno problemi ed in caso di vittoria dei ricorsi i lavoratori saranno reintegrati a pieno titolo.

Per quanto riguarda le “nuove” assunzioni siccome il bilancio ha subito profondi tagli (anche per quanto riguarda il Dipartimento ambiente) potranno essere momentaneamente avviate a tempo indeterminato ad orario ridotto (con una riduzione media del 15% rispetto a quello precedente). I licenziati hanno altresì ricordato l’impegno della maggioranza capitolina a finanziare la differenza economica nel nuovo bilancio (2015, che dovrebbe essere approvato nel mese di marzo). Tale impegno è stato confermato dalla consigliera Cesaretti Proietti (Gruppo SEL) presente alla riunione a nome della maggioranza.

“La nostra preoccupazione” comunica Augusto Fantini, uno dei licenziati, “è che l’assunzione ad un orario ridotto non venga poi trasformata in tempo pieno entro il mese di marzo, come già avvenuto nel caso di colleghi assegnati alla “Casa del Giardinaggio”.

In tal senso, l’Assessorato si è reso garante, in caso di nuovi finanziamenti, ad effettuare la stabilizzazione a tempo pieno. A margine dell’incontro, il dr. Torreti (Presidente della Roma Multiservizi), si è reso disponibile per un nuovo incontro da tenersi la prossima settimana utile ad entrare nel dettaglio tecnico sia dell’orario di servizio che dei livelli dei lavoratori che hanno più volte, nel corso dell’incontro, ribadito che una riduzione di livello e/o orario comporterebbe un abbassamento drastico del salario. Come USI, vigilando con attenzione sui prossimi incontri, ci impegniamo a coinvolgere tutte le forze politiche della maggioranza capitolina affinchè, per marzo… possano sbocciare le rose.

Riceviamo e pubblichiamo

(Visited 24 times, 1 visits today)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*