Roma – Cessione A.di R. M5S: “Decisione inspiegabile”

Il M5S capitolino metterà in atto tutte le azioni di indagine e verifica al fine di comprendere la decisione dell’Amministrazione in merito alla cessione di A.di.R., Assicurazioni di Roma, società di cui Roma Capitale è socio di maggioranza.

Si tratta di una società che da 16 anni porta utili all’amministrazione e che rappresenta un asset fondamentale per il Comune di Roma considerando i servizi che offre ai dipendenti oltre che a tutti i cittadini romani. La società ha una riserva di oltre 300 milioni di euro, accantonamenti, previsti dalla legge, necessari alla liquidazione dei sinistri e per le cause già incardinate.

[quote font=”0″ arrow=”yes”]Il M5S Roma fatica a comprendere le ragioni di tale decisione. Che si voglia fare cassa con le riserve strutturali della società? O ancora siamo portati a pensare che anziché attivare seri processi di risanamento, (peraltro non necessari nel caso di AdiR), come si sarebbe dovuto fare con Farmacap si voglia dismettere, trasformare in società per azioni nascondendo dietro la scusa dell’efficienza enormi favori ai privati. Come per esempio una cordata di broker assicurativi molto interessati all’operazione.[/quote]

Peraltro se nel caso di Farmacap (l’unico caso al mondo in cui l’attività di farmacie su tutto il territorio della città non porti alcun profitto anzi addirittura sia in perdita), basterebbe un intervento dell’Amministrazione che sia capace di dotarsi di un organigramma formato da manager con consolidata esperienza nel settore e, dove sia possibile, utilizzare al massimo l’esperienza dei dipendenti e di coloro che hanno maturato esperienze pluriennali all’interno dell’azienda, nel caso delle Assicurazioni di Roma si tratta di una società che non ha perdite pertanto in perfetta efficienza economico finanziaria anzi per il 2014 ha registrato un utile di 22 milioni di euro. Peraltro essendo l’unica mutua assicuratrice in Italia non ha provvigioni sui premi il che significa che con un portafoglio di 65 milioni di euro all’anno, la privatizzazione porterebbe ad un aumento del 20 % del costo delle polizze. Che naturalmente finirebbe in tasca ai privati (provvigioni) a spese dei cittadini.

[quote font=”0″ arrow=”yes”]Dunque l’unica cosa che va fatta è quella di evitare gli errori visti sotto la precedente amministrazione ed avviare una corretta gestione della società, che ha tutte le potenzialità per raggiungere dei numeri e dei fondamentali eccellenti.[/quote]

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*