Politica – Chi non vuole i tesserati?

 

I partiti politici tradizionali sono in sofferenza. Non è una nostra impressione, i dati delle ultime elezioni politiche l’hanno dimostrato chiaramente. Ignorare questo dato è autolesionista. E non si può ignorare il dato definendolo un voto di protesta, un fenomeno episodico.
I cittadini italiani hanno chiaramente dimostrato che vogliono un rinnovamento non ulteriormente procrastinabile. I partiti fino a oggi presenti in parlamento sono obbligati a rinnovarsi, per evitare di sparire travolti da un’ondata anomala provocata unicamente dalla loro cecità.
Questo rischio è più pressante per il Partito Democratico rispetto al Popolo delle Libertà, in quanto il partito di centrosinistra ha una vocazione più spiccata alla partecipazione popolare, a differenza del suo momentaneo alleato che ha incarnato la propria politica sul carisma del proprio leader. Per cui se i partiti vogliono aprirsi a nuove categorie sociali, chi deve affrontare per primo la sfida dovrebbe essere proprio il PD.
Analizzando i voti delle ultime elezioni, se si rapportano i risultati alla Camera rispetto al Senato, appare evidente come il partito attualmente guidato da Epifani, è poco attrattivo nei confronti dei giovani. Se vengono comparati i dati della Camera e del Senato, ipotizzando che gli elettori abbiano votato lo stesso partito nelle due assemblee (cosa che nei grandi numeri può essere ritenuta valida), i giovani tra i diciotto e i venticinque anni hanno votato in 244.362 il PD, oltre mezzo milione il PDL, e quasi un milione e mezzo il Movimento Cinque Stelle. 
Se lo stesso calcolo fosse fatto tra i soli votanti di Anguillara, la perdita di voti tra le nuove generazioni è ancora più evidente. Il PD ha raccolto solo 21 voti, il PDL 116 (oltre cinque volte il PD), il M5S ben 535 (pari a oltre venticinque volte!).
È quindi chiaro che il Partito Democratico ha una difficoltà enorme a catturare le simpatie dei nuovi italiani. Per quale motivo ciò avviene? Certamente la chiusura dei circoli, che non prevedono la partecipazione spesso tanto annunciata a parole, contribuisce al disinteresse. Questa tendenza è particolarmente rispondente al risultato anguillarese, che ha visto un circolo chiuso nel proprio autoreferenzialismo, e che quindi maggiormente rispetto al dato nazionale accusa l’abbandono degli under venticinque.
Cosa sta facendo quindi il partito per recuperare il voto giovanile? Come fidelizzare la generazione dei nativi digitali che mostra una certa diffidenza rispetto alle riunioni al chiuso di una cantina preferendo il confronto nella piazza virtuale? Prevedere l’iscrizione online al partito in vece della “vecchia” tessera da ritirare al circolo di zona potrebbe essere una buona idea.
Peccato che coloro i quali abbiano l’intenzione di utilizzare questo strumento per affermare la propria appartenenza politica debbano pagare un balzello improponibile, con l’obbligo di versare, se si sceglie questa forma la cifra di cinquanta euro rispetto ai venti euro che devono essere corrisposte se ci s’iscrive presso il circolo. Difficilmente può essere giustificato tale aumento con la possibilità di consultare l’edizione online dell’Unità o di Left (tra l’altro giornali appartenenti a società editrici e non organi del partito, per cui un possibile iscritto potrebbe chiedersi: “Perché l’Unità sì e non Repubblica?, perché Left e non l’Espresso?”).
Volendo pensare male si può identificare la ragione alla base di questa scelta scellerata nel fatto che una forte componente della direzione nazionale del partito preferisce perdere iscritti (ed elettori) pur di cercare di arginare il probabile successo dei candidati che per loro natura possono esercitare un maggiore appeal nei confronti dei ragazzi, come Civati e (soprattutto) Renzi. Quindi, per chi ha deciso tali scelte è meglio un suicidio collettivo che veder soccombere un candidato come Cuperlo che agli occhi di chi ha maggiore dimestichezza di noi “adulti” con i mezzi informatici appare come una Cariatide.

 

Silvio Rossi

[foldergallery folder=”cms/file/BLOG/8202/” title=”8202″]

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*