AMBIENTE – 2 SI’ PER L’ACQUA BENE COMUNE.

Comunicato stampa

Il 24 Aprile scorso è iniziata la campagna referendaria “L’acqua non si vende” per raccogliere le firme a sostegno dei tre quesiti referendari promossi dal Forum italiano dei movimenti per l’acqua, necessarie a richiedere l’abrogazione di 3 articoli di legge che nel tempo avevano avviato ed accelerato il processo di privatizzazione del servizio idrico integrato (SII) in tutta Italia.
I firmatari sono stati 1 milione e 500 mila, il doppio rispetto alla soglia minima richiesta dalla Costituzione, mai era accaduto nell’esperienza referendaria del nostro paese. Le firme sono state depositate presso la Corte di Cassazione che ne doveva verificare la validità e da li alla Corte Costituzionale affinché si pronunciasse sull’ammissibilità di tre quesiti.
Il 12 gennaio è arrivato finalmente il verdetto, accolto con grande soddisfazione da tutto il popolo dell’acqua: due dei 3 quesiti referendari presentati sono stati accolti. La campagna referendaria così riprende a pieno ritmo. Il referendum si farà. Il popolo italiano sarà chiamato ad esprimersi direttamente sul tema una domenica tra il 15 Aprile e il 15 Giugno e laddove si riuscisse a raggiungere il quorum (25 milioni di persone) si aprirebbe la strada alla ripubblicizzazione del SII.
La Corte ha dato ragione quindi alla voce che nel tempo si è sollevata sempre più fragorosa da ogni realtà del nostro paese, in maniera del tutto trasversale: fuori l’acqua dal mercato, fuori i profitti dall’acqua.
La sfida è senza dubbio ardua, considerando l’imponenza del sistema contro cui ci si scontra e l’insuccesso che ha caratterizzato i referendum dal 1986 ad oggi . Ma stavolta sembra essere diverso, perché stavolta si parla di acqua, elemento fondamentale, diritto, bene comune, si parla di vita e di morte come più volte ribadisce Alex Zanotelli, padre comboniano da sempre sostenitore di questa battaglia.
E allora l’imperativo è quello di diventare maggioranza che s’impone e che diviene forza politica con cui i nostri amministratori sono costretti a confrontarsi. Questo richiede però una forte coesione fra tutti coloro che condividono questi stessi principi. C’è bisogno di unità, di lavorare in rete, tutti devono sentirsi attivisti in questa esperienza innovativa di cittadinanza attiva, perché è necessario il contributo di ciascuno per spingere 25 milioni di persone ad andare a votare.
E allora ancora una volta, come orma da anni, il CPRN (Comitato dei Comuni della Provincia di Roma Nord) tornerà a fare il proprio lavoro di sensibilizzazione sul tema dell’acqua, con una serie di iniziative sui territori in vista del referendum. Tutte le realtà che fossero quindi interessate a dare il proprio contributo a questa importante causa possono contattare la referente provinciale all’indirizzo serena_leone@hotmail.it
Aspettando il voto, i cittadini possono intanto sostenere la richiesta di moratoria, affinché vengano bloccate le scadenze previste dal decreto Ronchi che obbligano a privatizzare la nostra acqua entro il 2011. Per fare questo basta collegarsi al sito www.acquabenecomune.org, ricordando che si scrive acqua ma si legge democrazia.

f.to CPRN

[foldergallery folder=”cms/file/BLOG/3211/” title=”3211″]

(Visited 20 times, 1 visits today)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*