OLIMPIADI 2010 – VANCOUVER: “CERCASI NEVE DISPERATAMENTE”

Vancouver 2010: Cercasi neve disperatamente

Tutto è pronto per le Olimpiadi di Vancouver 2010, peccato che il meteo non ha alcuna voglia di collaborare. A tre giorni dal sipario, infatti, la festa rischia di essere rovinata da una primavera arrivata in anticipo. Un «caldo» fuori stagione e inopportuno proprio adesso che la città dei Giochi avrebbe bisogno di freddo, anzi di ghiaccio. E invece le previsioni per i prossimi giorni non promettono nulla di buono, perché la pioggia in arrivo non farà altro che trasformare la neve delle montagne in un’inutile poltiglia. E pensare che a poche miglia di distanza, nella Costa Orientale degli Stati Uniti, la popolazione sta combattendo con uno degli inverni più bianchi della storia: il cielo ha sbagliato destinazione, inviando la neve nel posto sbagliato. Per questo il Comitato organizzatore sta riparando con camion carichi di neve artificiale. “Cypress è l’unica località olimpica che presenta problemi di questo tipo. La situazione è sotto controllo, tutto sarà pronto per l’inizio dei Giochi. Ma sfido chiunque a dire che era previsto un mese di gennaio senza neve come questo”, queste le parole di John Furlong, Capo del Comitato Organizzatore delle Olimpiadi di Vancouver 2010 riportate su numerose testate italiane.  A sentire i meteorologi la colpa è del «Nino» che quest’anno ha soffiato il suo vento caldo fin sulle coste occidentali del Nord America, lasciandole a «secco». Ma la neve non è il solo problema che affligge queste Olimpiadi, fino ad ora gli organizzatori dei Giochi hanno dovuto fare i conti con questioni più o meno gravi. Dalle cimici che avevano infestato il legno della copertura dell’Oval di Richmond, prontamente disinfestato, alla comunità di rane che intralciava i lavori sulla pista di Creekside fino ai più seri problemi di sicurezza. Per questa è stata usata la metà del budget a disposizione (570 milioni di euro), a vigilare sulle gare ci saranno 16 mila agenti fra esercito, polizia e guardie private. Tutto rafforzato dalla «no-fly zone» sopra i villaggi olimpici. Eppure, questi saranno i Giochi dell’eco-sostenibilità, tutto, dalle medaglie ai tetti fino agli abiti, è stato pensato a impatto zero sull’ambiente. Se qualche dettaglio è ancora da mettere a punto, gli atleti, almeno quelli, sembrano pronti.

Ida Di Grazia

[foldergallery folder=”cms/file/BLOG/1224/” title=”1224″]

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*